Domenica, 1 Agosto 2021
Sport

Contenimento dei costi e sostenibilità. Mangini a confronto con i dilettanti aretini

L'ultima volta che Paolo Mangini era venuto in visita ad Arezzo ricopriva l'incarico di presidente del settore giovanile e scolastico del comitato toscano della Figc. Lo scorso maggio fu ospite del Santa Firmina alla cerimonia di premiazione del...

Riunione_Figc_Mangini_Tralci_12

L'ultima volta che Paolo Mangini era venuto in visita ad Arezzo ricopriva l'incarico di presidente del settore giovanile e scolastico del comitato toscano della Figc. Lo scorso maggio fu ospite del Santa Firmina alla cerimonia di premiazione del memorial Lorentini, ma quella dell'Arbitro Club era la sua prima assemblea in qualità di patron dei dilettanti.

Un'assemblea vivace quella aretina a cui hanno preso parte la maggior parte delle società, dalla Terza categoria fino all'Eccellenza, compresi anche i dirigenti dell'Aquila Montevarchi promossi pochi mesi fa in serie D.

Presidente dopo undici mesi dall'inizio del suo mandato che bilancio può trarre?

"Direi che siamo riusciti in questi primi mesi a rispettare quanto ci eravamo prefissati sul tema del contenimento dei costi federali - spiega Mangini - in particolare parlo dei costi legati al tesseramento, ai cartellini di giocatori e dirigenti, che sono sono sensibilmente diminuiti. A breve tra l'altro inizierà un corso per la qualifica di segretario. Dalla prossima estate il tesseramento avverrà per via telematica, sarà tutto digitale e questo comporterà un risparmio ulteriore in termini di tempo e costi".

A proposito di contenimento dei costi la composizione dei gironi di alcuni campionati non sembrano rispecchiare questo criterio.

"So a quali casi si riferisce - prosegue il presidente Mangini - il fatto è che le delegazioni poste ai confini della regione spesso devono registrare alcuni 'spostamenti' che sembrano scomodi. Questo non viene fatto per danneggiare una società piuttosto che un'altra ma solo per la competitività del campionato. Con le società che si sono lamentate abbiamo parlato e c'è stato un confronto. Quest'anno è toccato ad Arezzo ma nelle scorse stagioni anche Massa ha dovuto fare i conti con certi aggiustamenti".

Quale è lo stato di salute del movimento aretino.

"E' uno dei più importanti della nostra regione e non solo come numero di tesserati (come poi spiegherà anche Mario Tralci). Giocatori aretini erano presenti nelle rappresentative che ci hanno permesso di conquistare il Torneo delle Regioni. In questa provincia due società come Bibbiena e Aquila Montevarchi possono vantare Giovanissimi e Allievi nei gironi Elite. Il Bibbiena ha anche la formazione Juniores nel girone di merito".

E il calcio femminile quanto incide? Le amaranto stanno andando forte.

"E' un movimento in crescita ed è doveroso sostenerlo come ho fatto quando ero presidente del settore giovanile - conclude Mangini - dobbiamo garantire al calcio femminile maggiore visibilità. Vi posso anticipare che prima di Natale annuncerò un'importante iniziativa che sto definendo in questi giorni. Di che cosa si tratta? Ve lo dirò a breve. Sperò venga apprezzata e ne farà parte anche l'Arezzo calcio femminile".
Articoli correlati:

Assemblea Figc, la fotogallery

Twitter @MatteoMarzotti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contenimento dei costi e sostenibilità. Mangini a confronto con i dilettanti aretini

ArezzoNotizie è in caricamento