Sputa ad un dirigente avversario: stangata nel torneo Juniores

Multe e squalifiche a tempo. Il bilancio del primo turno di campionato dell'anno nuovo

Oltre 700 euro di multa per le formazioni aretine ma soprattutto maxi squalifiche per dirigenti e calciatori del torneo Juniores. Ecco il bilancio del primo turno di campionato del 2020.

In Prima categoria multato il Rassina con 250 euro per "contegno minaccioso ed offensivo verso il direttore di gara e gli organi arbitrali". Fuori fino al 16 febbraio un dirigente del Vaggio che "abbandonava spontaneamente il campo in segno di dissenso verso l'operato arbitrale che esplicitava con una vibrata protesta".

Nel campionato di Seconda categoria ben 400 euro di multa per la Lorese. A fine partita alcuni tesserati non identificati hanno offeso e minacciato l’arbitro cercando anche di ostruirgli l’uscita dall’impianto a bordo della propria auto.

"[…] per avere tesserati non identificati a fine gara, al rientro negli spogliatoi offeso e minacciato il direttore di gara - si legge nel bollettino - per avere gli stessi in ripetute occasioni, reiterato tale comportamento al momento dell'abbandono dal campo da parte dell'arbitro con tentativo di ostruirgli l'uscita con il proprio veicolo".

Maxi squalifiche nel torneo Juniores

Nel campionato Juniores Provinciali ecco 60 euro di multa alla Tuscar a causa del comportamento dei propri sostenitori che hanno pronunciato "frasi minacciose all'indirizzo del direttore di gara, in più occasioni nel corso del secondo tempo". Nulla in confronto alla squalifica comminata ad un dirigente gialloverde per il quale la stagione è praticamente finita visto che resterà fuori fino al 29 aprile. Dopo essere stato espulso per offese all’arbitro "alla notifica del provvedimento faceva ingresso nel terreno di gioco per avvicinarsi al direttore di gara ma veniva fermato da un proprio calciatore". La rabbia non si è placata e il dirigente lasciava il campo proferendo "espressioni blasfeme, successivamente si posizionava in tribuna da dove pronunciava reiterate frasi minacciose all'indirizzo del direttore di gara". Fuori fino al 22 gennaio anche un dirigente del Pieve al Toppo nello stesso campionato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro giornate ad un giocatore del Soci Casentino reo di aver "sputato all'indirizzo di un dirigente avversario attingendolo al corpo, dopo la notifica del provvedimento lanciava la maglia a terra in segno di protesta". Stessa sanzione per un suo collega della Tuscar che espulso per doppia ammonizione, dopo la notifica del provvedimento, "applaudiva ironicamente il direttore di gara". Sanzione aggravata in quanto, nel momento, capitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento