Dilettanti, Sibilia: "Stagione finita? Pensiamo a come ripartire"

Venerdì il Consiglio Federale con la decisione sui campionati porterà, salvo colpi di scena, allo stop dei tornei, anche di quelli dilettantistici

"Non dobbiamo più preoccuparci di come chiudere ma pensare a come ripartire". La dichiarazione è quella di Cosimo Sibilia, numero uno dei dilettanti. Il presidente della LND ha così risposto a La Gazzetta Regionale parlando della possibilità di poter riprendere i campionati dilettantistici (giovanili provinciali e regionali, dalla Terza alla serie D), attualmente sospesi fino al 18 maggio. Le parole di Sibilia arrivano a poche ore dal Consiglio Federale di venerdì 8 maggio che salvo colpi di scena e ripensamenti sancirà lo stop definitivo ai tornei dilettantistici e a quelli di Lega Pro, in base anche alle richieste della maggioranza dei presidenti.

"Il calcio viene dato come sport ad alto rischio contagio, ed è difficile pensare ad un protocollo light per la ripartenza - ha dichiarato Sibilia nell'intervista ripresa anche da 'Il Messaggero' - Non dobbiamo più preoccuparci di come chiudere oggi ma pensare a come ripartire domani. Dopo il consiglio dell'8 maggio affronteremo il tema delle decisioni da prendere, sicuramente ci saranno degli scontenti ma mi auguro continuino tutti a sostenere che la salute sia più importante delle rivendicazioni".

D'altronde il protocollo sanitario, il monitoraggio dei giocatori, le norme per igienizzare gli spogliatoi rendono difficile la ripresa in Lega Pro figurarsi nelle categorie più basse dove giocare senza pubblico sugli spalti significa non reperire alcun fondo o contributo utile alla gestione dei club.

Promozioni e retrocessioni

I primi tornei ad essere fermati dalla Figc sono stati quelli giovanili di formazioni professionistiche. Tornei che non prevedono promozioni e retrocessioni, per i dilettanti ci sarà infatti da valutare varie ipotesi e aspetti. Fermare tutto cristallizzando le classifiche e premiando le attuali prime? Far retrocedere solo le ultime? Oppure bloccare tutto limitandosi a eventuali ripescaggi? Domande a cui una risposta potrà arrivare solo dopo il Consiglio Federale di venerdì prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento