menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppe giornate per un calendario così corto. E se la serie C giocasse solo i playoff?

Bocciato lo stop la Lega Pro deve pensare a come tornare in campo, anche solo per i playoff e i playout

La decisione presa dal Consiglio Federale, con l'imposizione alla ripresa dei tornei di serie A, B e C, è stata di sicuro quella più impopolare. Alla fine ad essere contenti sono solo i presidenti di quelle squadre seconde in classifica (seppur distanziate) e quelle che venivano escluse dai criteri del merito sportivo per la promozione tra i cadetti. I nomi sono noti. Il Carpi avrebbe scavalcato, per la media punti sugli incontri disputati, Reggiana e Bari (per la cronaca due formazioni reduci da recenti fallimenti e ripartenze), ma così non sarà possibile. Almeno per il momento.

Il Consiglio Federale ha rimandato tutto all'incontro tra la Figc e il Ministro dello sport (28 maggio) a cui seguirà il nuovo Consiglio a inizio giugno. Ecco allora che l'assemblea di ieri pomeriggio è servita più a mettere a punto alcuni temi in primis le modalità di promozione e retrocessione, che dovranno essere uguali per tutti, dalla A alla C. La volontà è stata quella di far prevalere il rettangolo verde, da qui la decisione di ripartire, ma con due piani all'orizzonte se l'emergenza sanitaria non lo consentisse: spareggi (playoff e playout) oppure classifica di merito per promozioni e retrocessioni.

Il nodo calendario

Far riprendere la Lega Pro significa in primo luogo attendere tre se non quattro settimane per consentire ai giocatori di ritrovare la migliore condizione. All'appello, per arrivare alla fine della regular season, mancano 11 partite, almeno nel girone A, che implicano di giocare una partita ogni tre giorni. Visto che la serie A non tornerà in campo fino a metà giugno ecco che la regular season della Lega Pro, ripartendo nello stesso periodo, terminerebbe il 12 luglio nella migliore delle ipotesi. Ma c'è anche la finale di Coppa da disputare per decretare quale squadra andrà alla fase nazionale degli spareggi che, all'interno di ogni girone, prenderebbero il via nella terza settimana di luglio, sempre a livello ipotetico. Da qui partirebbe un'altra corsa con un match ogni tre giorni per arrivare alla finalissima playoff in pieno agosto. Proprio a ridosso del 20 agosto, termine ultimo per concludere i tornei.

Ma a dire il vero il 20 agosto potrebbe essere scavalcato facilmente se l'intenzione è quello di attendere l'incontro del 28 maggio per riprendere gli allenamenti in Lega Pro. Ecco perchè non è da escludere lo scenario di una classifica congelata in serie C andando poi a delineare i nominativi delle partecipanti agli spareggi. Solo un'ipotesi, ma che è bene da tenere a mente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento