Serie C, mazzata su Cuneo, Lucchese e Pro Piacenza. Cambia la classifica

Il caso fideiussioni costa una multa e una maxi penalizzazione. Rossoneri nell'occhio del ciclone. Gravina tuona contro i piacentini. Attese novità dal Giudice Sportivo in giornata.

Otto punti di penalizzazione in classifica e una multa di 350mila euro. E' una autentica mazzata quella che il tribunale federale nazionale ha stabilito nei confronti di Matera, Cuneo, Lucchese e Pro Piacenza, i club che si sono iscritti presentando una fideiussione irregolare.

Il provvedimento non incide in alcun moto sul Matera che ha rinunciato a prendere parte al quarto incontro di campionato ed è stato quindi eliminato. Per le altre società invece la penalità porta la Lucchese al penultimo posto con 13 punti all'attivo e un -16 in classifica. I rossoneri avevano stipulato una fideiussione con Finwolrd poi giudicata irregolare, passando quindi a Pannonia, ma anche questa garanzia è stata ritenuta non in regola secondo i parametri della terza serie. Stesso problema per il Cuneo che scende a quota 21 punti in classifica frutto di un -8 che si aggiunge ai già sette punti di penalizzazione. Per il Pro Piacenza invece la vergogna non ha più fine. I rossoneri dopo aver giocato una partita farsa a Cuneo, terminata sul punteggio di 20-0 per i piemontesi, scivolano ancora più in basso. Il -8 produce uno zero in classifica. Adesso c'è da capire entro quanto tempo i tre club dovranno pagare le rispettive multe per non essere estromessi.

Caso Pro Piacenza: tuona Gravina, Tommasi tira in ballo Lotito

Tuona il presidente della Figc. "Sarà l'ultima farsa. Quanto accaduto con la squadra del Pro Piacenza è un insulto allo sport e ai suoi principi fondanti - ha detto Gravina - in questa situazione surreale, la Figc aveva il dovere di far rispettare tutte le regole ed ha esercitato tale ruolo. La nostra responsabilità è quella di tutelare la passione dei tifosi, gli imprenditori sani e la credibilità dei campionati: quella cui abbiamo assistito, nostro malgrado, sarà comunque l'ultima farsa". Damiano Tommasi, presidente dell'Assocalciatori, tira in ballo Lotito, patron della Lazio che è tra i club sponsorizzati dalla Seleco che controlla a sua volta il Pro Piacenza. "Cuneo-Pro Piacenza 20-0, 7 U19 in campo contro il Cuneo, nessun allenatore e niente staff. Genitori? Presidente Lotito presente/assente? Dove sono la proibità, la sportività e la lealtà nell'umiliare 7 ragazzi? Quando finirà?".

Cuneo-Pro Piacenza 20-0, il momento più basso del calcio italiano

Dalla Bbc all'Equipe, passando per AS. I magigori giornali sportivi fuori dai confini italiani hanno ripreso la goleada piemontese con termini non certo edificanti, impossibile fare diversamente. La pagina più brutta del calcio italiano che oggi potrebbe veder arrivare la parola fine ad una "Progetto", come definito dalla Gazzetta dello sport, vergognoso. Intanto però arrivano le parole del dg rossonero Palumbo che lasciano a dir poco perplessi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I ragazzi scesi in campo per me sono dei piccoli eroi e meritano un elogio, almeno da parte della società - sottolinea Palumbo - abbiamo fatto il possibile e dalla settimana prossima faremo una squadra molto competitiva con giocatori ed allenatore di categoria, staff tecnico e medico. Per quanto riguarda la fideiussione Finworld, io credo, ma è un mio personalissimo pensiero, che l'errore sia a monte. Se sia accetta una fideiussione, non si può pretendere che in 15 giorni questa venga sostituita. Ci sono quattro-cinque squadre di Serie C, due-tre squadre di Serie B che hanno dovuto sostituire la fideiussione. Purtroppo gli istituti bancari, come tutti sanno, hanno tempi lunghi, noi ne abbiamo presentata una che è stata rigettata, ne abbiamo presentato una o ne presenteremo un'altra nelle prossime ore. Ma il presidente intende onorare tutte le ammende della FICG, tutti i contenziosi con gli altri calciatori e tutte le spese che ci saranno da qui alla fine del campionato. Il futuro imminente del Pro Piacenza è quello di fare una retrocessione decorosa, per poi ripartire il prossimo anno dal massimo campionato dilettanti per poi ritentare il salto di categoria, visto che il nostro presidente amerebbe la B, perché già la C gli sta stretta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento