Calcio

Sconfitta a testa alta per l'Aquila Montevarchi. Rossoblu beffati nei minuti finali dalla corazzata Pescara

La squadra di Malotti perde 1-2 dopo un'altra prova da applausi

Un misto di amarezza per la sconfitta in extremis, ma allo stesso tempo di orgoglio per aver confermato, da neopromossa, di potersela davvero giocare con tutti: con queste sensazioni torna a casa l'Aquila Montevarchi, al termine di una partita che l'ha vista fronteggiare pressochè alla pari una delle squadre favorite per la vittoria del campionato, il Pescara. 

Sul neutro di Pontedera, la squadra di Malotti, autentica rivelazione di questo inizio di stagione, scende in campo con lo stesso undici iniziale reduce dalla vittoria nella trasferta di Fermo e il collaudato modulo 3-5-2; dalla sua, il Pescara risponde con un 3-4-3, che dà la possibilità al forte reparto offensivo di esprimere tutto il suo potenziale.

Fin da subito la gara si presenta vivace, con l'Aquila Montevarchi che tiene maggiormente il pallino del gioco rispetto agli avversari e riesce a rendersi pericolosa in più circostanze dalle parti di Di Gennaro. Al 22' l'occasione più rilevante: Amatucci si libera al limite dell'area e conclude verso la porta, ma il palo gli nega la gioia del gol. I rossoblù continuano ad avere il predominio territoriale del match, senza però concretizzare e così, al 42', il Pescara può sorprendemente portarsi in vantaggio grazie alla "perla" su punizione di Memushaj, che non lascia scampo a Rinaldi.

La ripresa si apre con il triplo cambio degli "aquilotti", decisi da Malotti nel tentativo di svoltare l'inerzia dell'incontro: escono Mercati, Carpani e Gambale; entrano Intinacelli, Lunghi e Mionic. Quest'ultimo subentra con poca determinazione e al 65' perde una palla sanguinosa, che permette a D'Ursi di presentarsi a tu per tu con Rinaldi, ma spara alto. Al 71' il pareggio del Montevarchi: bel cross dalla sinistra di Bassano, sul quale si avventa Lischi che di testa batte Di Gennaro. 

Il gol subìto dà una scossa alla formazione abruzzese, che nel finale sale di giri e trova il gol della vittoria a due minuti dal termine con De Marchi, abile ad insaccare su assist di Illanes. Non c'è più tempo e, mentre l'Aquila Montevarchi si rimbocca le maniche per il punto perso, il Pescara centra la vittoria che gli permette di balzare in testa alla classifica in solitaria visto il pareggio del Siena (0-0 a Imola).

Il tabellino della gara

Aquila Montevarchi - Pescara 1-2

Aquila Montevarchi (3-4-1-2): Rinaldi; Achy, Tozzuolo, Bassano; Amatucci, Mercati (54' Intinacelli), Carpani (54' Lunghi), Lischi; Barranca; Jallow, Gambale (54' Mionic). A disp.: Ciabattini, Giusti, Dutu, Casiello, Senzamici, Doratiotto. All.: Roberto Malotti.

Pescara (3-4-3): Di Gennaro; Ingrosso (59' Frascatore), Drudi, Illanes; Cancellotti, Memushaj, Rizzo, Nzita; Galano (70' Zappella), Rauti, D’Ursi (70' De Marchi). A disp.: Radaelli, Sorrentino, Rasi, Valdifiori, Ferrari, Marilungo, Diambo, Pompetti, Sanogo. All.: Gaetano Auteri.

Arbitro: Michele Giordano di Novara, coad. da Mattia Bartolomucci di Ciampino e Simone Biffi di Treviglio.

Reti: 42' Memushaj, 71' Lischi, 88' De Marchi.

Note: ammoniti Carpani (M) Illanes (P), Cancellotti (P), Tozzuolo (M)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sconfitta a testa alta per l'Aquila Montevarchi. Rossoblu beffati nei minuti finali dalla corazzata Pescara

ArezzoNotizie è in caricamento