menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sarri e Bartoletti [foto pagina Facebook Valdarno]

Sarri e Bartoletti [foto pagina Facebook Valdarno]

Sarri: "Le emozioni di Sangio-Montevarchi come quelle di una finale internazionale"

Approfittando della sosta natalizia Maurizio Sarri è tornato nella sua Figline per partecipare alla festa dei 100 anni del club svelando una serie di aneddoti

"Una volta un tifoso dopo lo 0-0 tra Sangiovannese-Aglianese si avvicinò a me e ad Allegri dicendo: 'Se siete due allenatori voi...". Parole di Maurizio Sarri. Il tecnico della Juventus ha preso parte nonostante il ko in Supercoppa alla festa per i 100 della società di calcio di Figline, cittadina dove è cresciuto. Maurizio Sarri che ha ripercorso la propria carriera svelando alcuni aneddoti. Tra questi quello risalente alla stagione 2003-2004 quando incrociò sul suo cammino l'Aglianese di Massimiliano Allegri.

"Ricordo una volta Sangiovannese-Aglianese. L'allenatore dell'Aglianese era Allegri - ha raccontato Sarri - finì 0-0, nessun gol. A fine partita un tifoso ci disse: 'Se siete due allenatori voi...'. È vero che sono nato a Napoli, ma mi sento figlinese al cento per centoLa Serie A mi appariva un mondo abbastanza lontano, i miei eroi da bambino erano proprio i giocatori del Figline. Ho avuto la fortuna di giocarci, di arrivare in prima squadra insieme ai miei amici di infanzia. Una cosa di una bellezza unica".

Ma oltre ai ricordi con la società gialloblù ecco anche il derby del Valdarno quel Montevarchi-Sangiovannese che ha regalato emozioni uniche come Sarri ha avuto modo di ricordare dopo la vittoria contro il Torino. Emozioni che secondo il tecnico, e come riporta Tuttosport, non sono paragonabili nemmeno a finali internazionali.

"Spero e credo che in me ci sia ancora qualcosa del Sarri del passato. Lo spirito è lo stesso, in campo sono sempre quel Sarri lì. Un mese fa mi hanno chiamato a Nyon per una riunione con i migliori allenatori al mondo e al segretario della Juve ho detto: ‘Ma hanno chiamato me? Sei sicuro?’. Lo spirito è sempre quello, uno crede che le emozioni derivino dalla mediaticità dell’evento, ma l’evento ce l’hai dentro. Le emozioni che ho provato a fare Sangiovannese-Montevarchi le ho provate poche volte da allenatore, neanche in finali internazionali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento