La rosa dell'Arezzo a un giorno dall'inizio del mercato. Reparti, valutazioni, obiettivi e la lista dei 22

Meno uno all'inizio della campagna acquisti che terminerà il 5 ottobre. La posizione dei 20 tesserati amaranto per il 'tridente' di Potenza

Meno di 24 ore all'apertura della finestra estiva, quasi autunnale, di mercato. Dopo le valutazioni per scegliere il direttore sportivo prima, e l'allenatore subito dopo, ecco che l'attenzione si psosterà sulla rosa. Questa volta però il summit riguarderà soprattutto il ds Di Bari e Alessandro Potenza. Il tecnico potrà contare sugli allenamenti che precedono il ritiro di Chianciano per fare le ultime valutazioni su una rosa che conta già 20 elementi sotto contratti, con soli due posti liberi visto che la Lega Pro fissa a 22 giocatori il tetto delle rose.

Tutto questo si traduce in un concetto ben chiaro da tempo, ma che semmai viene rafforzato. L'Arezzo avendo 20 giocatori deve cedere prima ancora di acquistare e farlo nell'era del Covid-19 non è semplice, figurarsi se si pensa in facili plusvalenze da ottenere con qualche elemento. Anche perchè per coltivare un minimo di ambizioni i migliori, quelli che possono garantire entrate, si cercherà di trattenerli, almeno alcuni.

La situazione della rosa reparto per reparto

Portieri
Per quanto riguarda l'estremo difensore l'Arezzo ha le spalle coperte. Daga nonostante la giovane età piace a vari addetti ai lavori ed ha ampi margini di miglioramento. Tra l'altro essendo un 2000 in termini di minutaggio può essere a dir poco utile. Ma come portiere c'è Pissardo, cresciuto e non poco fino a poco prima dello stop del torneo. Di certo un portiere che vanta mercato e che potrebbe anche produrre una entrata. E' chiaro che se dovesse partire uno dei due poi srà necessario cercare un altro under di belle speranze o almeno un over affidabile.

Difensori
Il reparto numericamente più completo. A destra ci sono Luciani e Mosti, al centro Nolan e Borghini in attesa di Baldan (a casa fermato dal Covid-19). Poi c'è Maestrelli che può giocare a sinistra, dove c'è Masetti, ma anche al centro sia in una difesa a tre che a quattro. Occhio però al mercato. Ad esempio Nolan sembrava avere mercato in Svizzera, Baldan nel girone sud. L'Arezzo cerca comunque un altro centrale esperto per guidare il reparto. Un elemento affidabile sia per la linea a tre che a quattro.

Centrocampo
E qui la coperta è corta. Il punto fermo nei piani dei tifosi e della società è Fabio Foglia ma che è allo stesso tempo anche un giocatore che può vantare mercato. Da capire l'evolversi della situazione da qui al 5 ottobre. Ci sono gli under Benucci e Raja (2000), tornato dal prestito con la Giana Erminio, ma di fatto reduce da una stagione in cui è stato impiegato con il contagocce. E poi c'è Picchi fermato da vari problemi fisici ma con un contratto pluriennale che dovrà portare l'Arezzo a fare una riflessione. Ad ogni modo sia in caso di mediana a tre che a quattro serviranno rinforzi.

Attaccanti
L'affollamento della passata stagione non c'è più e non solo perchè Gori è tornato alla Fiorentina e sembra vicino al Perugia. Cutolo non ha bisogno di presentazioni. Belloni e Caso sono altri due giocatori che possono avere mercato ma sono anche due pedine che in un tridente diventano fondamentali. Non è un caso che in coppia alle spalle di Gioè propiziarono la vittoria di Busto, l'unica in trasferta della scorsa stagione. Piu in carriera le cose migliori le ha fatte vedere da attaccante esterno ma l'accordo pluriennale sarà oggetto di valutazioni. Idem Dell'Agnello reduce da una stagione vissuta ai box, tormentato dai problemi fisici, e Mesina che era al debutto in Lega Pro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La questione prestiti e minutaggio
Una mano in entrata arriverà anche dai prestiti - massimo 8 da serie A e B -per prendere i classe 1999, 2000 e così via, utili per incamerare i contributi della legge Melandri. Il problema però torna sempre lì. L'Arezzo deve cedere e se a partire dovranno essere i calciatori con ingaggi lunghi e 'pesanti' certi affari si complicano. Servirà una analisi ampia come non mai nelle prossime ore perchè in 35 giorni va costruita una squadra.
Arezzo_rosa_ruoli_contratti_agosto_2020-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento