Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ex bomber Muzzi nuovo responsabile del vivaio amaranto. Monaco: "Gestiremo direttamente le giovanili"

L'ex bomber di Roma, Cagliari e Torino si occuperà del settore giovanile del Cavallino

 

Era arrivato poco dopo mezzogiorno al Comunale Roberto Muzzi. Un giro negli spogliatoi e sul rettangolo verde. Le foto di Abbruscato, con cui ha giocato, quindi l'attesa per la conferenza stampa. Già direttore tecnico della Lupa Frascati, altro club della Mag, la sua presenza ad Arezzo non è stata un sorpresa essendo un uomo fidato, anzi un amico della nuova proprietà. "Roberto Muzzi sarà il nuovo responsabile del settore giovanile" ha poi annunciato l'amministratore delegato Sabatino Selvaggio con l'applauso della sala stampa per l'ex bomber.

"Mi piace moltissimo lavorare con i giovani - confessa Muzzi - quando questo gruppo di amici prima ancora che imprenditori ha deciso di imbarcarsi in questa avventura chiedendo il mio aiuto, ho deciso di mettermi al loro fianco".

Originariamente si era parlato di un ruolo più vicino alla prima squadra, poi di consulente esterno, ma ecco la novità con l'ingresso anche nel cda del Cavallino.

"Ci vedremo molto spesso - commenta Muzzi - sono davvero contento di questo ruolo in cui metterò tutto me stesso, anche nell'aiutare il direttore generale se e quando necessario, in alcune scelte. Questo è un progetto a lungo termine, dobbiamo iniziare e poi procedere per step".

Nel suo intervento Muzzi ha parlato anche della richiesta se fosse presente una foresteria ad Arezzo.

"Perchè possiamo prendere giovani da altre regioni ma in primis guardare in Toscana che è piena di talenti. Un pensionato è ciò che serve per il vivaio".

Vivaio che non sarà più gestito dal Melograno, la società creata solo un anno fa appositamente per occuparsi delle giovanili del Cavallino. come spiegato dal presidente Monaco, il Cavallino seguirà direttamente il proprio vivaio senza strutture intermedie.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento