menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quale futuro per l'Arezzo calcio? Bardelli: "Vicende viste troppe volte. Serve chiarezza"

Il consigliere comunale ripercorre le tappe che hanno portato alla possibile cessione. L'invito per avere chiarezza sul futuro

Chiarezza e garanzie. Lo hanno chiesto a gran voce i tifosi della Curva Minghelli e adesso a chiederlo è Roberto Bardelli, consigliere comunale.

"Deve esserci una maledizione nei confronti del calcio ad Arezzo! Puntualmente, come in un maledetto girone infernale, la nostra squadra si ritrova ciclicamente al punto di partenza, con pochi soldi, un progetto fumoso e soprattutto un futuro incerto. Un maledetto Monopoli nostrale che ci fa sempre ripassare dal via, tra imprevisti e probabilità, dove purtroppo si patisce molto e si gioisce poco".

Bardelli ripercorre le ultime tappe che hanno portato alla scelta di La Cava di cedere il club e alle trattative in atto.

"All'orizzonte sembrano esserci due cordate, ma non è chiaro se siano veramente in grado di gestire il calcio ad Arezzo - spiega Bardelli - È questo che più dispiace in vicende viste e riviste troppe volte. Da una parte abbiamo un socio attivo, Orgoglio Amaranto, che in questi anni, mentre c'era gente strana che andava e veniva lasciando i cocci, ha fatto miracoli per mantenere in piedi una società calcistica degna di questo nome, dimostrando di saper competere con strutture molto più blasonate e con una efficienza che farebbe impallidire squadre di serie A; abbiamo i ragazzi della curva Lauro Minghelli, che non hanno fatto mai mancare il loro appoggio ogni maledetta domenica, anche nei momenti più tormentati e difficili: quando le cose si sono messe male loro c'erano sempre e comunque. E poi gli sportivi, che rischiano un infarto per il nervoso, e le maestranze, che hanno operato al Comunale tra mille difficoltà e patimenti anche economici, e non hanno fatto mai mancare la propria disponibilità".

E così Bardelli sottolinea ancora una volta come "la nostra Arezzo non meriti l'ennesimo scivolone, la solita pantomima del vado, non vado".

"Quello che i tifosi e gli sportivi chiedono è trasparenza, chiarezza e soprattutto garanzie. E questo è dovuto a tutti coloro che amano la maglia amaranto e che amano Arezzo. E che hanno dimostrato in più di una occasione di sapersi rialzare e continuare a sognare. Non meritiamo un'altra volta paturnie e patemi d'animo. E' importante per i nostri cuori, è importante per l'Arezzo".?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento