menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinuncia alle gare, Mangini chiede una modifica. Uffici chiusi per la Lnd: ecco i numeri utili

La proposta avanzata dal numero uno toscano solo per questa stagione

In occasione dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, il presidente del Comitato Regionale Paolo Mangini, ha proposto di modificare, solo per la corrente stagione sportiva, il numero massimo delle rinunce alle gare che ogni società può fare portandole da due a quattro gare, ritornando, solo per quest’anno, a quanto era previsto fino al termine della stagione sportiva 2018-2019. Questo in considerazione dell’eccezionale contesto di emergenza sanitaria che sta caratterizzando il nostro paese che rischia di dare origine a tutta una serie di situazioni problematiche e che  può produrre grandi difficoltà alle società partecipanti ai vari campionati, a prescindere dalla loro effettiva volontà di non partecipare alle gare.Ricordiamo che in base all’art. 53 delle N.O.I.F. al raggiungimento del numero previsto di rinunce la società verrebbe esclusa da tutti i campionati con conseguente svincolo dei calciatori, perdita dei diritti sportivi e cancellazione della propria storia, che nella stragrande maggioranza dei casi rappresenta una parte significativa della storia del proprio paese e dell’identità di una  comunità.

Una norma che in questo particolare periodo rischia di essere troppo penalizzante per le società, ed è per questo che il Presidente Mangini ha richiesto ed ottenuto durante l’ultima riunione di Consiglio della L.N.D., di proporre al Consiglio Federale della F.I.G.C. di riportare, in via straordinaria e transitoria, il numero delle rinunce da 2 a 4 come avveniva fino alla stagione 2018/2019. Il presidente ha proposto, inoltre, che in caso di raggiungimento del numero massimo di rinunce la Società, pur venendo esclusa dal campionato di competenza, possa continuare,  comunque, la sua attività  con il settore giovanile fino al termine della stagione sportiva, conservando così i relativi diritti sportivi, la propria matricola ed anzianità federale. In quasto caso il Consiglio Direttivo, non trattandosi di modifica alle NOIF,  ha individuato e concordato una specifica procedura che la società dovrà seguire e che le permetterà di continuare la sua attività con il settore giovanile.  

Supporto informartivo e assistenza alle società

A seguito della  disposizione della L.N.D., gli Uffici del Comitato Regionale e delle Delegazioni Provinciali rimarranno chiusi da lunedì 2 fino a martedì 24 novembre p.v., salvo proroghe. Per qualsiasi informazione e comunicazioni inerenti l’attività sia regionale che provinciale, saranno operativi, con servizio di trasferimento di chiamata, i seguenti numeri telefonici:
055/6521416 Segretario Sauro Falciani
055/6521410 Vice Segretario Andrea Titi
055/6521406 Responsabile Ufficio Amministrativo Simona Poggi
055/6521419 Responsabile Ufficio Tesseramento Silvia Morgenni
La stessa comunicazione è comunque presente anche sul sito del Comitato Regionale Toscana all’indirizzo:   toscana.lnd.i

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento