Addio a Pietro Fontana. Si è spento l'ex giocatore e allenatore amaranto

Aveva 76 anni, da tempo lottava contro una malattia

"Non potevi che scegliere la Domenica per andartene. La Domenica, il tuo giorno speciale, quello in cui potevi fare la cosa che amavi di più, giocare a calcio, prima da giocatore poi da allenatore". Sono le parole con cui la figlia Marzia, attrice e conduttrice televisiva, ha salutato questa mattina sua padre Pietro Fontana.

L'ex difensore di Ternana, Lazio e Arezzo si è spento nella notte all'età di 76 anni dopo aver lottato contro la malattia. Un difensore a dir poco arcigno quello che da adolescente - come ricorda la figlia - lasciò quel piccolo paese per andare a fare il minatore, riuscendo poi a realizzare il sogno di giocare a calcio, spiccando il volo tra i professionisti. Prima il contratto con L'Aquila con 60 presenze in due stagioni, quindi il passaggio alla Lazio. Con i biancocelesti di Juan Carlos Lorenzo e Ferruccio Mazzola conquistò la seria A (1968-1969), senza però poter assaporare la massima serie. Fontana riparte da Terni dove trova un aretino, quel Corrado Viciani inventore del 'gioco corto'. La Ternana è la classe operaia che va in paradiso perchè alla fine del campionato 1971-1972 arriva la promozione in A. Per Fontana è il secodo torneo cadetto vinto, ma anche questa volta non debutterà nell'Olimpio calcistico.

Lasciata Terni ecco la chiamata dell'Arezzo. In amaranto resta dal 1972 al 1974, sempre in B. Qui conosce la sua futura moglie Bruna e qui nasce la figlia Marzia. Intanto però il calcio lo chiama in giro per l'Italia e così dal 1974 al 1976 gioca nel Brindisi chiudendo la sua carriera a 32 anni. Inizia quella di allenatore. Cavese, Capobasso, Anconitana, Cosenza, Gioventù Brindisi, Crotone, Massese e Castel di Sangro. Proprio con Crotone e Castel di Sangro ottiene due promozioni prima di sedersi sulla panchina dell'Arezzo nel 1993-1994. Il Cavallino ripartiva dalla serie e dopo l'esonero di Marini toccò a Fontana che proprio sotto la sua gestione fece debuttare Lauro Minghelli

Ormai da alcuni anni era un abituale frequentatore dei salotti televisivi aretini per parlare dell'Arezzo ma soprattutto di calcio, dal settore giovanili ai professionisti. A volte burbero e deciso nell'esporre le proprie idee, ma sempre pronto al dialogo, un po' come lo era stato in campo: arcigno ma pronto a stringere la mano alla fine delle ostilità come amava ricordare. Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte della nostra redazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento