menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Arezzo a Modena dura un tempo: Perez illude, poi il crollo (3-1)

Amaranto avanti con un regalo del Modena che pareggia grazie anche alla disattenzione del Cavallino. Nella ripresa il Cavallino rinuncia ad attaccare, si abbassa subito, e il Modena si prende i tre punti

Parlare di una sconfitta legata solo alle poche alternative a disposizione in panchina rispetto a quelle del Modena è poco attinente alla realtà. L'Arezzo a Modena pur giocando con due punte di ruolo e un trequartista non punge, trovando un gol solo grazie al regalo della difesa di casa. Poi il solito uomo lasciato troppo libero in area porta il pari, ma la colpa maggiore è un secondo tempo non giocato. Squadra che arretra il baricentro, rinuncia ad attaccare, alza barricate senza avere la forza fisica (e mentale) di controbattere a un Modena che tiene alti i giri. Meriti del Modena, ma il crollo dell'Arezzo suona come un allarme.

Non mancano le sorprese nell'undici titolare di Arezzo e Modena rispetto al turno precedente. In casa amaranto le indiscrezioni della vigilia trovano conferma con Stellone che cambia modulo e passa al 4-3-1-2 facendo debuttare dall'inizio l'inedito tandem Perez-Carletti con Iacoponi trequartista. In difesa torna Kodr dall'inizio dopo un mese dall'ultima apparizione. Mignani cambia volto al Modena non a livello tattico ma di interpreti. Fuori Ingegneri per Zaro, ma anche gli ex Bearzotti e Corradi per Mattioli e Prezioso. In panchina si accomoda anche Castiglia per lasciare il posto a Davì.

Parte su buoni ritmi la sfida del Braglia. Più riflessivo l'Arezzo che cerca il fraseggio, mentre il Modena punta sulla verticalizzazione andando al tiro con Scappini e Davì senza però trovare lo specchio della porta. I padroni di casa tra pressing e possesso palla trovano però la replica di un Arezzo che là dietro fa buona guardia e che al 20' riesce a pungere alla prima occasione. Carletti calcia in mezzo, Gagno non trattiene e Perez appostato sul secondo palo sigla la sua prima rete con la maglia dell'Arezzo. Ma il vantaggio dura pochisismo. Kodr sbaglia un passaggio e il Modena con Scappini trova un corner. Sul tiro dalla bandierina Zaro salta più in alto di tutti tra Luciani, Altobelli e Arini, pareggiando. Il Modena ritrova coraggio, l'Arezzo si fa vedere su calcio d'angolo con l'incornata di Carletti ma Gagno controlla. Alla fine del primo tempo il punteggio è di 1-1.

La prima occasione della ripresa è per il Modena con Luppi che entra in area dalla destra, ma Sala fa buona guardia. Gli amaranto rischiano più sulle loro disattenzioni che su altro, provando a dare battaglia senza particolari sblocchi in avanti. Il Modena però resta in agguato e al 60' comquista una punizione dal limite per un fallo commesso da Sbraga in collaborazione con Pinna che costa il giallo all'ex Novara (entra in diffida). La replica dell'Arezzo è una punizione di Pinna che Gagno toglie dall'incrocio dei pali. Gli amaranto non riescono più a rendersi pericolosi. Gorgone (in panchina al posto di Stellone) mette dentro Cutolo e Ventola per dare forze fresche ma il risultato è quello di un Arezzo che arretra troppo il baricentro e che dalla panchina non può pescare dalla panchina come fa Mignani che mette dentro Sodinha. Il numero dieci impiega quattro minuti per tirare fuori dal cilindro l'assist per il 2-1 di Gerli, in rete con un tiro da fuori area. La partita finisce qui e il gol di Sodinha al 92', dribbling su sala e pallonetto sul difensore, è solo l'immagine di un momento nerissimo e con una classifica sempre più traballante.

MODENA (4-3-3): 24 Gagno; 18 Mattioli, 19 Zaro, 4 Pergreffi, 3 Mignanelli; 20 Davì, 16 Gerli, 28 Prezioso (17' st 21 Muroni); 27 Pierini (29' st 10 Sodinha), 9 Scappini (1' st 11 Spagnoli), 13 Luppi (43' st 5 Ingegneri).
A disposizione: 12 Narciso, 22 Chiossi, 6 Rabiu, 8 Castiglia, 14 Corradi, 15 De Santis, 17 Bearzotti, 23 Varutti.
Allenatore: Michele Mignani.

AREZZO (4-3-1-2): 1 Sala; 16 Luciani (37' st 23 Di Grazia), 5 Sbraga, 29 Kodr (44' st 36 Karkalis), 19 Pinna; 4 Arini, 31 Di Paolantonio, 46 Altobelli (21' st 26 Ventola); 44 Iacoponi; 27 Perez (21' st 10 Cutolo), 8 Carletti.
A disposizione: 13 Melgrati, 21 Benucci, 25 Sussi, 35 Zitelli.
Allenatore: Giorgio Gorgone.
Diffidati: 3 Cherubin, 16 Luciani. Infortunati: 7 Belloni, 9 Pesenti, 15 Maggioni, 24 Piu, 28 Bonaccorsi, 32 Zuppel, 37 Serrotti. Non convocati: 2 Sportelli, 6 Soumah, 11 Cerci, 12 Gagliardi, 14 Nader, 17 Di Nardo, 18 Stampete, 22 Tarolli, 30 Gagliardotto, Picchi, Sakho, Raja. Squalificati: Cherubin (due turni), Stellone (due turni).
ARBITRO: Giuseppe Collu di Cagliari (Vincenzo Adriano Catucci di Pesaro - Francesco Ciancaglini di Vasto). Quarto uomo: Roberto Lovison di Padova.
RETI: pt 20' Perez, 27' Zaro; st 33' Gerli, 92' Sodinha.
Note - Spettatori: partita a porte chiuse. Recupero: 0' + 5'. Angoli: 4-2. Ammoniti: st 16' Sbraga, 18' Pergreffi, 32' Di Paolantonio, 43' Mignanelli.

Serie C girone B - 35° giornata
Matelica - Sambenedettese 1-0
Virtusvecomp Verona - Perugia 03/04 ore 12:30
Legnago - Südtirol 03/04 ore 15:00
Vis Pesaro - Imolese 03/04 ore 15:00
Gubbio - Carpi 03/04 ore 15:00
Cesena - Mantova 03/04 ore 17:30
Ravenna - Fermana 03/04 ore 17:30
Feralpisalò - Fano 03/04 ore 17:30
Triestina - Padova ore 03/04 ore 20:30
La classifica

Il prossimo turno
Ravenna - Perugia 17/04 ore 17:30
Gubbio - Mantova 18/04 ore 15:00
Legnago - Arezzo 18/04 ore 15:00
Matelica - Fano 18/04 ore 15:00
Virtusvecomp Verona - Sambenedettese 18/04 ore 15:00
Modena - Padova 18/04 ore 17:30
Cesena - Imolese 18/04 ore 20:30
Feralpisalò - Carpi 18/04 ore 20:30
Vis Pesaro - Fermana 18/04 ore 20:30
Triestina - Südtirol 19/04 ore 21:00

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Finita la relazione, l'anello con diamante va restituito?

  • Casentino

    Gelo primaverile: falò accesi per salvare i vigneti

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento