Senza presenze e ai margini: l'Arezzo prova a cederli ma la strada è in salita

Per il momento si lavora solo sugli esuberi di una rosa incredibilmente lunga

Burzigotti, Sbarzella e Barbini

Vendere è sempre più difficile che comprare. La regola del calciomercato non fa eccezioni nemmeno ad Arezzo che è alle prese con altri 18 giorni di trattative per provare a ridurre a numeri ben più adeguati ed utili una rosa che numericamente è più vicina alle 40 che non alle 30 unità. Il problema e il ritornello è sempre lo stesso. C'è un'intera formazione che non ha mai calcato il rettangolo verde per una partita di campionato, addirittura giocatori nemmeno mai convocati e non per problemi fisici ma scelta tecnica.

Votino, Laneve, Barbini, Sbarzella, Choe, Bargiggia, Aramini e così via. Elementi arrivati in sordina, non annunciati ufficialmente, ma che di fatto si allenano quotidianamente a due passi da Cutolo e compagni senza però trovare poi posto. E adesso l'Arezzo cerca loro una sistemazione perchè c'è comunque la necessità si sfoltire, fare posto, risparmiare risorse utili e poi perchè alla fine non ha senso per nessuno vivere altri sei mesi in panchina, anzi in tribuna. Magari, ma sarà difficile, registrare un plusvalenza o una contropartita economica. Sarebbe il sogno di tutti, ma il mercato anche un anno fa portò l'Arezzo a frugarsi in tasca quando si decise di far partire Cenetti e Belvisi, rinnovando i contratti di giocatori che poi furono ceduti in prestito.

In partenza restano anche Burzigotti, ristabilito, ma in cerca di rilancio ormai chiuso ad Arezzo e il baby Raja (2000) per il quale si parla di un prestito. Dell'Agnello è atteso in viale Gramsci per capire come sta procedendo il recupero dall'infortunio alla spalla e poi c'è Zini, tornato dopo un problema fisico ma che sarà valutato dallo staff visto che tra le altre cose andrà in scadenza a breve.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E in entrata? Poco se non pochissimo almeno per adesso. Riprendendo le parole di Di Donato se l'Arezzo dovesse restare con i 22-23 giocatori convocati settimanalmente al tecnico non dispiacerebbe e tutto sommato gli acquisti potrebbero essere i giocatori che nella prima parte di stagione sono stati infortunati. Vedi ad esempio Picchi che è arrivato insieme a Piu dall'Empoli da cui l'Arezzo ha ereditato i loro contratti pluriennali. Due investimenti di 'peso' che il Cavallino spera possano portare benefici quanto prima. E poi ci sono i giocatori in scadenza: Cutolo, Sereni, Zini, il prestito biennale di Tassi, Belloni. Anche questa sarà una partita da affrontare entro febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento