Non siamo menagrami, ma la partenza di Pelagatti è una cannonata. Cosa sta succedendo in casa Arezzo?

“Alò s’arparte. Si, ma ‘ndo se va?". E' la domanda che si pone il collega Giorgio Ciofini nella lettera che pubblichiamo sulla partenza di Carlo Pelagatti

Carlo Pelagatti

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del collega Giorgio Ciofini.

Carlo Pelagatti al Padova! Non è solo un fulmine a ciel sereno, un colpo di mercato, uno dei tanti che i direttori Pieroni e Testini hanno piazzato in questa estate bollente, che ieri ci è esploso in faccia a tradimento. È un colpo al cuore, una cannonata di quelle che si sentono il giorno del Saracino e che precedono il gran cimento. Anche l’araldo ora, in qualche modo, ci chiama in Piazza. Carlo Pelagatti era un simbolo della squadra, che ha riportato il Cavallino rampante a sognare e a sfiorare la B, reduce da Ferretti e stallieri romani vari. Era la bandiera, l’ex curvaiolo, l’uomo immagine scelto dalla stessa società per la campagna abbonamenti, non a caso intitolata: “Alò s’arparte. “Si, ma ‘ndo se va?“- viene da chiedersi col groppo in gola, ora che il simbolo stesso di questa operazione non c’è più.

Perché? E soprattutto cosa sta succedendo in casa amaranto? Del resto la cessione del capitano è solo l’ultimo di segnali misteriosi che, in questa settimana erano arrivati a chi a cuore le sorti del Cavallino. Uno tira l’altro come le ciliegie e i brontolii d’avvertimento, che precedono il fragore del tuono: prima la conferenza di Anselmi e le parole di pietra seguite alla sua uscita dall’Arezzo, poi il comunicato laconico di orgoglio amaranto sul tema, quindi l’annuncio della cessione dell’attività giovanile alla società “Il Melograno” di Vittorio Marini. Niente, tuttavia, di così fragoroso come l’addio alla bandiera che, proprio di questi tempi, l’anno scorso firmava un contratto a vita con l’Arezzo e festeggiava sotto una Minghelli traboccante di entusiasmo. C’era la Fiorentina, ricordate? Eppure Di Donato, il giorno della sua presentazione, ha dichiarato che l’obbiettivo del suo Arezzo sarà quello di far meglio dell’anno scorso. E noi gli crediamo perché è un ottimo allenatore e una persona seria.

La clamorosa uscita di Pelagatti dimostra che, nell’Arezzo, sta per accadere qualcosa di rivoluzionario e comincia un’attesa di grandi eventi. Cosa sta per accadere? Non stiamo qui a fare le sibille, a sindacare e men che meno a fare i menagramo. Il calcio ci riserva soprese ad ogni passo, in campo e fuori. Siamo convinti che sarà così anche questa volta. In campo il nostro “Dido” bentornato, è stato capace di portare il suo Arzignano in serie C, con una squadra di giovanissimi, come quella che quest’anno gli stanno confezionando Pieroni e Testini. Sarà capace di fare la stessa cosa ad Arezzo

Fuori dal campo c’è un La Cava che da solo non può far sognare la piazza e che sfoglia la margherita: resto o non resto? E noi? Dopo Pelagatti stiamo alla finestra ad aspettare e non poniamo limiti alle sorprese, alla Provvidenza e alle provate capacità dei nostri direttori. Tuttavia ci corre l’obbligo di segnalare che, stracciata la bandiera, dei “titolarissimi” della passata stagione restano solo Luciani (con la pubalgia), Foglia, Buglio e Basit (ma gli ultimi due sono sul mercato), Insomma Di Donato è chiamato a fare un’altra impresa non meno totale di quella che qui firmò il grande Pavanel.

La chiusura però oggi non può essere che per Carlo Pelagatti, che ieri ci ha lasciato con una lettera d’addio, come la fidanzate. Caro Carlo, non ci piace e non ci suona affatto bene il tuo addio. Avremmo di gran lunga preferito un laconico silenzio. Non c’era alcun bisogno di spiegare. E poi che cosa? Hai fatto una scelta tua, personale, professionale, familiare, che non ci riguarda e che rispettiamo. Ma non parlarci di cuore, dando un bacio postumo ad una maglia che non è più tua. Era meglio che te ne fossi andato in silenzio, con le tue speranze e i rimpianti, che certo pesano ad un aretino vero come te, come pesano a tutti noi patiti del Cavallino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorgio Ciofini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento