La Cava: "Avevo salvato l'Arezzo, ma dopo gli striscioni mollo tutto. Denuncerò gli autori"

Il presidente non ha gradito il blitz della Minghelli sotto la sua residenza. "Mollo tutto, chi vuole l'Arezzo si faccia avanti"

Giorgio La Cava

"Adesso basta mollo tutto e dell'Arezzo non voglio più sapere nulla". E' arrabbiato e non lo nasconde Giorgio La Cava. Il presidente del Cavallino reagisce così allo striscione che nel pomeriggio i gruppi della Minghelli hanno affisso davanti alla sua abitazione.

"E' una cosa gravissima con questo ho chiuso con l'Arezzo - spiega La Cava - Venire sotto casa mia da Arezzo appositamente per lasciare quello striscione quando io da giorni sono lavoro per il bene della società. Anche questa mattina stavo lavorando nella trattativa con i giocatori e alle 14 avevo anche ricevuto una bella notizia. Un imprenditore romano cento volte più forte di me, di cui non faccio il nome per rispetto, si era fatto avanti per rilevare l'Arezzo a patto che restassi anche io. Dopo questo striscione ho fermato tutto, l'ho chiamato e gli ho detto che non se ne fa nulla e che forse è meglio che non investa nel calcio".

La Cava prosegue.

"Ma questi tifosi perchè non sono andati ad attaccare gli striscioni sotto casa di Gatto in passato? Sono venuti da me che di soldi ne ho messi davvero tanti in questa esperienza e ho sempre cercato solo il bene dell'Arezzo perchè guidato dalla passione. Adesso di tempo per questa società non ne voglio più spendere. Magari sono solo due tifosi su cento gli autori dello striscione, ma questi hanno influito sulla mia decisione".

A questo punto La Cava lancia un messaggio ai possibili acquirenti, vale a dire il gruppo di Andrea Stanzione e agli imprenditori legati a Ermanno Pieroni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Cederò la società così com'è, quindi chi la vuole si faccia avanti e andiamo dal notaio - confessa La Cava - Vedere certi messaggi, con toni minacciosi non mi va proprio giù. Ho già chiamato la Digos di Arezzo e domani con il mio avvocato presenterò la denuncia. Ci sono anche telecamere in quella zona vedremo un po' cosa viene fuori. Di certo io da oggi dell'Arezzo non ne voglio più sapere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Pioggia di bonus in arrivo: sconti sulle cene al ristorante, scarpe, vestiti e arredi

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento