La Cava: “Iscrizione Arezzo? Legata agli acquirenti o nuovi soci”

Il presidente fiducioso per le trattative in corso

È ottimista Giorgio La Cava. "Lo scorso fine settimana provavo l'esatto opposto - dice il patron dell'Arezzo - adesso porto sono più fiducioso anche se è bene andarci cauti perché le trattative sappiamo tutti quanto sono delicate".

Così il presidente del Cavallino parla dei dialoghi in corso con gli imprenditori legati a Ermanno Pieroni e del discorso avviato con Danilo Mariano. Il tempo è sempre meno alla luce delle scadenze federali, dell'iscrizione che scade il 5 agosto e poi dell'assemblea dei soci di lunedì prossimo.

Tanti impegni da non fallire tra cui soprattutto l'iscrizione che comporta il pagamento di tutti gli stipendi arretrati fino a maggio, la tassa di iscrizione (60mila euro) e quindi la fideiussione.

"L'iscrizione? È legata agli acquirenti e ai nuovi soci che potrebbero entrare - dice La Cava - non mi chiedete i nomi tanto non ne faccioè un momento particolarmente delicatoCi tengo però a sottolineare che mi sto impegnando davvero molto per il bene dell'Arezzo".

Certo è che entro domani servono novità perché lunedì l'assemblea dei soci chiederà lumi sulle trattative, sugli identikit dei possibili acquirenti. Insomma verranno chieste garanzie per il futuro che, come detto, è segnato da tante scadenze. A ore la Covisoc si pronuncerà sullo stato di salute economico dei club di Lega Pro. Chi non è in regola dovrà integrare quanto richiesto e ad esempio ricapitalizzare (all'Arezzo serviranno 500mila euro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi il 5 agosto serviranno tassa di iscrizione, la prima fideiussione per un valore minimo di 350mila euro eventualmente da integrare, quindi il dado degli stipendi sopra i 50mila euro che non hanno avuto diritto alla cassa integrazione. Tanti impegni a distanza ravvicinata che non ammettono passi falsi e per i quali occorre prima possibile un futuro ben delineato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento