La Cava: “La cifra debitoria è un’altra”. Entro il 10 luglio servono almeno 500mila euro

La nota del presidente e i documenti ma anche (e soprattutto) i soldi, necessari per rispettare la scadenza del 10 luglio

All’indomani dell’assemblea di Orgoglio Amaranto, Giorgio La Cava interviene per precisare alcuni aspetti. La risposta del presidente però non  riguarda il comitato quanto semmai le notizie emerse in merito al bilancio dell’Arezzo.

"In riferimento alle notizie apparse sulla stampa ed inerenti la situazione debitoria della SS Arezzo Srl, il Presidente Giorgio La Cava intende precisare anzitutto che, dal punto di vista finanziario, vi sono dei crediti importanti che ancora devono rientrare (Fondo “salva calcio” FIGC, ultima tranche del minutaggio, residuo mutualità precedente, il contributo del Comune per l’adeguamento allo Stadio Comunale, ecc.) ma soprattutto intende precisare che la debitoria non comporta un esborso immediato del saldo indicato nei giornali - scrive La Cava - Per amore di verità va detto che molti debiti sono scadenzati e frazionati nei mesi a venire secondo piani precisi e già definiti come nel caso degli accolli fatti per quelli maturati in capo alla U.S. Arezzo Srl; va considerato, inoltre, che nei prossimi mesi giungeranno nuovamente risorse dalla ripresa delle attività (bigliettazione, sponsorizzazioni, ecc.); in definitiva si tratta di una somma molto meno ingente di 1.800.000 euro quella che un potenziale acquirente si impegna a  pagare nell’immediato futuro ai creditori sociali, forse stimabile sulla metà di quell’importo. Nella speranza di aver chiarito la questione in modo esaustivo, continuiamo a lavorare per il bene e il futuro dell’Arezzo Calcio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La data del 10 luglio

Tra una settimana l’Arezzo dovrà presentare alla Covisoc vari documenti tra cui indice di patrimonialità e indebitamento. Occorrerà procedere anche con una ricapitalizzazione di almeno 500mila euro. Ecco cosa serve per non incappare in sanzione e soprattutto vedere a rischio la prosecuzione del cammino del club verso l’iscrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Si inclina un silos con 900 tonnellate di cemento, il sindaco: "Se collassa, ci sarà una nube. Restate in casa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento