Crowdfunding, dopo il voto del comitato parla La Cava: "Valuterò se fare una controproposta"

Il comitato ha informato il club della decisione. OA attende la documentazione, La Cava valuta però se accettare o effettuare una controproposta

Giorgio La Cava, presidente e azionista di maggioranza dell'Arezzo

E' stato l'avvocato Chiericoni ad informare questa mattina Giorgio La Cava sull'esito dell'assemblea di Orgoglio Amranto.

"Ne prendo atto e rispetto il voto del comitato che detiene l'uno per cento della società - ha commentato La Cava - giustamente i tifosi avevano chiesto di potersi riunire prima di prendere una decisione. Da parte mia posso solo dire che detenendo la maggioranza delle quote del club mi riservo di riflettere su quanto proposto da Orgoglio Amaranto. Nei prossimi giorni tramite il mio avvocato comunicherò la mia decisione, se accettare quanto chiesto da OA oppure se inviare una controproposta. Per avviare il progetto di crowdfunding abbiamo tempo fino alla fine del mese".

Orgoglio Amaranto ha deciso così

Ieri sera il voto dell'assemblea di Orgoglio Amaranto ha di fatto aperto al progetto di crowdfunding ma ponendo alcuni paletti. Il comitato a poche ore dall'esito della riunione con i propri soci ha "ha immediatamente messo al corrente della decisione la S.S. Arezzo ed in particolare il presidente Giorgio La Cava e adesso è in attesa di ricevere la documentazione relativa allo statuto".

L'Arezzo a Siena con 170 tifosi per il derby di Coppa. Un turno a Pissardo, due a Sereni

Una larghissima maggioranza ha quindi votato per dare un mandato ben preciso: quello di firmare l’atto che dà il via al progetto di crowdfunding, ma ad una condizione imprescindibile, cioè quella che non si verifichi nessuna variazione statutaria che intacchi i diritti e le prerogative acquisite dal Comitato nel corso dei suoi nove anni di vita e rafforzati nello statuto della Società Sportiva Arezzo firmato il 19 aprile 2018 al culmine della Battaglia Totale. 
Si tratta di diritti che sono ricompresi nell’articolo 7 dello stesso statuto, che riguardano la prelazione, il gradimento, il diritto di poter vendere le proprie quote a determinate condizioni e che più in generale permettono a OA di esercitare le forme di controllo utili alla tutela del Cavallino Rampante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Orgoglio Amaranto: "Sì al crowdfunding, ma solo a queste condizioni"

"Ringraziamo davvero tanto tutti coloro che hanno voluto partecipare per esercitare il loro diritto di voto in una decisione così importante - dichiarano i membri del direttivo di OA - Ringraziamo i soci anche per il tenore degli interventi che hanno fatto nel corso dell’assemblea e che hanno permesso di sviscerare alcuni concetti, tranquillizzare in alcuni casi, chiarire su altri aspetti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento