Calcio Via Antonio Gramsci

Mag attesa ad Arezzo a inizio settimana: incontro con OA e non solo. Sirene di mercato per Zuppel e Iacoponi

Il comitato ha chiesto e ottenuto un incontro in città. Appuntamento lunedì prossimo con tanti temi sul tavolo da analizzare. Ancora allenamento al Lebole, e sul fronte mercato c'è interesse per Zuppel e Iacoponi

Sul campo Lebole sono rimasti ad allenarsi ormai una decina di giocatori. L'elenco dei giocatori che ha accettato di rinunciare ad una o più mensilità nelle ultime ore è cresciuto. Oggi ad esempio sia Ventola che Di Paolantonio sono stati avvistati in borghese dalle parti del Comunale. La transazione iniziata ieri con i colloqui tra De Vito e i calciatori permetterà di riasparmiare in termini di ingaggi e tasse varie. I calciatori che non hanno accettato sono rimasti ad allenarsi e ieri pomeriggio sono scesi in campo alle 17 agli ordini di Andrea Sussi e così andranno avanti anche nei prossimi giorni.

De Vito e Muzzi in sede: confronto con i giocatori per chiudere in anticipo i rapporti

Da Roma tutto tace. Le uniche notizie che arrivano sono quelle di riunioni fiume che sono iniziate all'indomani della retrocessione e sono poi proseguite. È chiaro che l'azionista di maggioranza alla luce degli investimenti fatti ha più di un aspetto da sottolineare con i tifosi che hanno messo nel mirino oltre ai giocatori sia Muzzi che De Vito. Ad oggi l'unica certezza è che lunedì prossimo ad Arezzo saranno presenti gli azionisti di maggioranza. In calendario una serie di impegni compresa una riunione con Orgoglio Amaranto. Il comitato ha infatti chiesto e ottenuto di incontrare il presidente Gentile, i fratelli Manzo e l'ad Selvaggio. Un summit con il quale OA chiederà lumi sul presente e sulla riorganizzazone del club che ad oggi è in serie D nonostante l'ipotesi ripescaggio. Già, il ritorno d'ufficio in serie C, una strada difficile ma non impossibile e che solo dopo il 17 maggio, quando saranno noti i termini per le licenze nazionali, potrà avere dei dettagli maggiormente definiti. Ad oggi c'è solo da parlare di un Arezzo in serie D, di una Mag impegnata in riunioni e di un comitato dei tifosi che più che vuole un confronto per l'analisi degli errori commessi e per capire come intende ripartire l'azionista di maggioranza che ha manifestato l'intenzione di non mollare.

"L'Arezzo è retrocessa ufficialmente in serie D al termine di una stagione difficile e costellata di una serie di errori che tutti ormai hanno riconosciuto - scrive Orgoglio Amaranto in una nota stampa - Con la società è sceso di categoria anche il socio Orgoglio Amaranto che con il suo direttivo non è riuscito a incidere come avrebbe voluto sulle sorti dell’Arezzo. Gli unici che escono a testa alta sono i tifosi amaranto che non retrocederanno mai. Il comitato in questi giorni legge, analizza, ammette e si confronta al suo interno in vista del passo successivo che è ormai imminente, quello di un incontro diretto, richiesto e già fissato, per i prossimi giorni, con la proprietà dell’Arezzo. Un momento irrimandabile, per un confronto volto ad affrontare il presente e il futuro del Cavallino. Dopo l’incontro con la società sarà nostra cura informare i soci e i sostenitori".

Sirene di mercato per Zuppel e Iacoponi

Dal 30 giugno tutti i giocatori in rosa saranno liberi perchè con la retrocessione in serie D i loro accordi decadranno. A dire il vero possono già considerarsi liberi tutti i componenti della rosa della prima squadra (e non solo) che potranno quindi già intavolare una serie di trattative. Non mancano gli elementi osservati speciali, soprattutto tra i giovani che l'Arezzo vorrebbe tenere perchè under utili alla D. Peccato però che l'appeal di certi richiamo è forte. Vedi Diego Zuppel, due gol ala prima stagione tra i professionisti prima di finire ai margini causa infortuni e scelte tecniche. Zuppel piaceva a Bologna e non solo in inverno, adesso anche la Juventus si sarebbe interessata perchè l'affare sarebbe a zero e poi il ragazzo potrebbe crescere nell'Under 23. Daniele Iacoponi è un altro giocatore che il Cavallino spera di tenere. Arrivato a gennaio, quasi a sorpresa nelle ultime ore di mercato, il debutto a Perugia, l'esordio dall'inizio a Verona e il gol al Matelica, Iacoponi piaceva al Torino ma aveva scelto Arezzo perchè poteva giocare in prima squadra. Dalla serie D con il Team Nuova Florida - altro club nell'orbita New Energy - Iacoponi potrebbe salire ancora perchè oltre al Torino ha anche altri estimatori.

Da segnalare nella giornata di oggi il deferimento dell'Arezzo da parte della Procura Federale per il mancato rispetto del protocollo anti-Covid. La società è stata multata per i fatti risalenti a fine settembre scorso. Nello specifico 1.400 euro di multa al club e 525 euro a testa per i due medici della società amaranto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mag attesa ad Arezzo a inizio settimana: incontro con OA e non solo. Sirene di mercato per Zuppel e Iacoponi

ArezzoNotizie è in caricamento