Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arezzo: Gentile nuovo presidente, Guglielmo Manzo dg. Muzzi direttore area tecnica

Cambio al vertice. Il nuovo consiglio di amministrazione del club amaranto

 

Alle 18:30 in punto il nuovo cda dell'Arezzo è entrato nella sala stampa del Comunale, confermando alcune anticipazioni della vigilia. Sabatino Selvaggio resta come amministratore delegato, confermato Roberto Muzzi, ma non mancano le novità. Fabio Gentile prende il posto di Pino Monaco alla presidenza, confermando il passo indietro dell'ex patron. La motivazione è da ricercare nella volontà della Mag di assumere la guida in maniera più diretta del club, dove i costi preventivati sono saliti alle stelle, a causa anche (come dirà Gentile) di situazioni legate al passato.

Una gestione che, per inciso, costerà da qui a giugno, altri 4 milioni di euro, ma la Mag non si tira indietro come dichiarato in sala stampa, pronta a investire su strutture e vivaio, ma soprattutto prima squadra.

"Abbiamo pagato eredità vecchia gestione vacillante per quanto riguarda campi e giovanili - spiega Gentile - delineamo nuova formazione. Sarà il nuovo presidente, Francesco Manzo sarà il vice, Guglielmo il direttore generale, Selvaggio l'amministratore delegato e Roberto Muzzi si occuperà dell'area tecnica. Marco Rosati sarà responsabile rapporto tifoseria e territorio. Abbiamo modificato il cda con una scelta importante, prendendo le redini perchè alcune cose si stavano perdendo. Il problema è che ci siamo trovati a gestire una situazione ai nostri occhi palesata più grave del previsto ci siamo dovuti fermare e ripartire".

A parlare di obiettivi, sponsor e costi di gestione, anticipando poi un incontro con l'amministrazione comunale è stato Guglielmo Manzo, nuovo direttore generale, sottolineando la volontà di voler investire sulle strutture: stadio e Caselle.

"Gli obiettivi? La salvezza, programmare il futuro. I primi quattro mesi avrebbero fatto scappare chiunque - aggiunge Guglielmo Manzo - abbiamo capito gli errori fatti. Faremo un mercato anche per il prossimo anno non appena si aprirà la finestra. Per quanto riguarda l'azienda Arezzo da qui a fine anno costerà altri 4 milioni dopo i due già spesi. Abbiamo onerato e onoreremo quanto ereditato dalla gestione passata. Speriamo di poter portare a casa tutto in breve tempo. Sappiamo che non abbiamo nessuno aiuto se non alcune aziende amiche, ma andiamo avanti sapendo che ci sono costi maggiori rispetto alle precedenti stagioni dato che mancano alcune entrate. Siamo rimasti un po' male dal fatto che alcuni sponsor aretini non si sono vicini. Noi comunque andremo avanti per la nostra strada, sperando in futuro di poter avere una mano in questo senso. Il settore giovanile? Vogliamo investire e puntare sui ragazzi di Arezzo. A chi dice che ci sono per lo più ragazzi di fuori vorrei far notare che anche lo scorso anno era così, la nostra intenzione però è quella di cambiare registro e seguire direttamente le giovanili".

Sul capitolo mercato è intervenuto Roberto Muzzi che dall'occuparsi del settore giovanile è promosso a direttore dell'area tecnica. Di fatto Muzzi ha seguito assieme a Francesco Manzo le questioni tecniche e alcune operazioni dopo l'addio di Di Bari. Adesso un nuovo ruolo, più operativo o comunque ufficiale in un settore nevralgico.

"Il mercato? Stiamo già lavorando con il nuovo direttore sportivo per rafforzare Arezzo con 3-4 giocatori - spiega Muzzi - poi dovremo sfoltire con almeno dieci partenze".

Ecco poi Marco Rosati, l'aretino del cda.

"Mi sento caricato responsabilità e rapresentanza della città - ha detto Marco Rosati - il mio ruolo è in via di definizione. Sarà di raccordo territorio e tifosi".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento