menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Noie con la fideiussione per Arezzo, Livorno e Novara. Ma il Cavallino si è già messo in regola

Noie per Livorno, Novara e Arezzo con la fideiussione. Il Cavallino si è già messo in regola

La fideiussione è già stata sostituita e con alcuni giorni di margine rispetto al tempo indicato come termine ultimo dalla Lega Pro. La notizia è confermata non solo dagli esperti in materia contabile dell'Arezzo ma anche dalla stessa società. I fatti si riferiscono alla notizia emersa nella giornata di ieri e riportata anche da Livorno Today. La società labronica, Arezzo e Novara avevano sottoscritto le rispettive fideiussioni con Winter Bank. Presso l'istituto erano stati fomralizzati i documenti necessari per ottenere in prima battuta l'ok per l'iscrizione al campionato, ovvero i famosi 350.000 euro di garanzia. L'istituto era stato scelto tra quelli ritenuti idonei dalla Lega Pro.

Sta di fatto che quella garanzie, anzi quelle garanzie, non sono più idonei e da qui la richiesta della Lega Pro ai club di porre rimedio. Non è la prima volta che accade. In passato sempre l'Arezzo, ma anche altre società di serie C, furono costretti a cambiare in corsa la fideiussione perchè l'istituto con il quale avevano sottoscritto il documento - scelto tra quelli indicati in un apposito elenco dalla Lega Pro - non era più ritenuto affidabile.

"Non ci saranno problemi dal punto di vista sportivo, anzi la stessa Lega ha ammesso che siamo parte lesa" ha detto Heller, presidente del Livorno che sta cercando un'altra banca. E l'ArezzoLa società ha già sostituito la fideiussione mettendosi in regola. All'appello manca solo un'ultima parte della garanzia che sarà sistemata lunedì, ma il grosso dell'operazione è già andato in porto. È stato un istituto di credito aretino a garantire alla società amaranto la fideiussione che è stata sostituita con anticipo sul termine ultimo. Tra l'altro l'Arezzo vanta una fideiussione ben superiore ai 350mila euro che è la quota base per un monte ingaggi di almeno un milione di euro. Anche lo scorso anno il Cavallino fu costretto ad aggiungere garanzie ulteriori per sopperire ai costi di gestione.

Un segnale che spazza via eventuali nubi, facendo tornare l'attenzione solo ed esclusivamente sul calcio giocato alla vigilia di uno scontro diretto da brividi contro l'Imolese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento