menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fra brodini e nostalgie. Le pagelle di Giorgio Ciofini 

Le pagelle degli amaranto dopo la sfida di Fermo

Al Recchioni (niente allusivi), l’Arezzo si prende un brodino con la Fermana (basta la parola). Poca Chianina, dado e un vago odore dei biscotti del nonno Riccomini, in questo 0-0 che sa d’antico e smuove irresistibili nostalgie.  Al tempo impazzavano i due punti, uno muoveva la classifica e s’era giovani da legare. È andata così, a Fermo come Cerci di questi tempi. Per la località e rispettare la grammatica, usate pure la minuscola degli attributi, ma non fate gli schizzinosi. È un punto che fa bene, se non alla classifica (siamo tornati fanalino di coda) al morale. L’ha detto (giustamente) anche Camplone. Insomma, il Cavallino, non è stato fermato nella stalla, senza biada. Non è molto, ma neanche poco. Anche le cornacchie papaline, del resto, erano d’accordo e pure gli animalisti. Noi, dopo lo sciopero col Sudtirol, possiamo tornare a pagellare liberamente.

Sala: Una parata a casa Cesarini, gli vale il voto. Per il resto, Andrea nostro, non spende un centesimo nel discount di Fermo. Voto: 6

Luciani: Al Recchioni, il vice pareva la tromba d’un amarcord, di quando si ballavano i lenti con l’orchestra di Papetti. Indimenticabili. Voto: 6 (di nostalgia)

Borghini: Fa sangue rivederlo in campo, là di dietro, dove si balla che non è un piacere. Tra i più vispi al Recchioni. Bentornato Diego. Voto: 6,5

Cherubin: Da braccetto di sinistra, con la Fermana (o quasi) pare più a suo agio. Un’idea da verificare coi canarini. Che però volano, se non chiudi la gabbia. Voto: 6

Kodr: Vedi sopra. Da centrale, nella difesa a tre, pare più integrato. Di sicuro ha più gamba di Cherubin, per le chiusure da dietro. Ma, coi canarini, si porti dietro il fucile. Voto: 6

Belloni: Col cambio di modulo, non ci guadagna. Da quinto di centrocampo, è più fuori ruolo di Benucci da esterno basso. E poi il nostro Nick piede lesto, il meglio di sé lo da, di gran lunga, a destra.  Voto: 6 (adattato)

Cerci: Caro Alessio, o ti metti a dieta, o puoi fare solo l’uomo immagine del colesterolo. Voto: impossibile (come le pagelle col Sudtirol).

Arini: Dopo un mesetto da samurai amaranto, nasce spontanea la domanda: ma è lui, o suo fratello gemello appena sbarcato dal Giappone?  Voto. Vedi sopra

Di Paolantonio: Nove reti e altrettanti assist con l’Avellino di Capuano. Con questo Arezzo al contagocce, non guasterebbe uno squillo a Eziolino. Voto: 6,5

Bortoletti: A proposito d’Amarcord. Corre a Fermo ed è già cosa straordinaria. Ma dove? Questo è il problema che ricorre dai tempi di Roselli. Voto: 6 (sudato)

Pesenti: Chi l’ha visto dalle parti del Buffon di Fermo, tra le ginestre, metta un dito qui sotto. Voto: Fate voi

Zuppel: Finalmente uno che pare capitato a Fermo, per caso. L’altro Diego combattente è, se non il migliore, il meno peggio al Recchioni. Voto: 6,5
Cutolo: Da proteggere come i Panda il nostro capitano, in vista dei canarini. Voto: la prossima

Foglia: È un periodo che le foglie cadono. Caro Fabio, non farci aspettare la primavera. Voto: come sopra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento