Dilettanti, fumata grigia dal comitato toscano. L'ultima parola spetterà al Consiglio Federale

Tutto rinviato a inizio giugno. Deciderà il Consiglio Federale se darà massima libertà, o meno, ai comitati regionali

Paolo Mangini, presidente della Figc Toscana

Tutto rinviato a inizio giugno. Il consiglio regionale di questo pomeriggio non ha potuto deliberare su promozioni o retrocessioni anche se la linea per i dilettanti toscani è ben nota. L'idea è quella di non far retrocedere alcuna formazione, nè dilettantistica nè giovanile, ma di procedere alla promozione della prima o delle prime se figurano a pari merito.

C'è però il nodo delle squadre che hanno giocato magari una partita in meno e sono lì ad un passo dalla vetta. Ecco perchè si parla anche della possibilità di procedere con l'ormai famosa media punti e non è da escludere che arrivi l'obbligo di procedere con le retrocessioni. Lunedì intanto il presidente Mangini incontrerà via web tutte le società toscane mentre l'ultima parola spetterà al Consiglio Federale del 3 giugno. Due giorni dopo i dilettanti si riuniranno e applicheranno alla lettera quanto previsto dalla Figc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento