menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniele Di Donato

Daniele Di Donato

Di Donato sotto esame, ma non è il solo. E mercoledì l'Arezzo va a Como

Bocche cucite in casa Arezzo dopo il secondo ko di fila. Nel mirino dei tifosi il tecnico ma non solo. E mercoledì c'è la trasferta in casa del Como

"Clima pesante? Finchè è intorno a me non ci sono problemi". Parole di Daniele Di Donato pronunciate in sala stampa per spiegare e analizzare il momento che sta attraversando il Cavallino. Quattro punti in classifica, frutto di una vittoria all'esordio, di un pari a Crema e die tre sconfitte, le ultime due consecutive.

Inevitabile a questo punto che a finire sul banco degli imputati dopo il 4-2-4 ci sia anche il mister che al triplice fischio ha imboccato la via degli spogliatoi. "Non ho voluto evitare il confronto con i tifosi - ha detto Di Donato - se vogliono domani ci alleniamo e io sono disponibileal confronto". La squadra con i tifosi ha già parlato chiedendo fiducia e appoggio. Un dialogo che si è chiuso con un applauso.
Fiducia e appoggio che la società garantisce anche al tecnico che ha cercato cambiando modulo e interpreti, nei limiti concessi dagli infortuni, di riprendere il cammino. Certo è che il clima è pesante dalle parti del Comunale e scorrendo i social è possibile notare come per i tifosi il tecnico sia solo l'unica persona più esposta alle critiche in questo momento e la presenza di vari allenatori in tribuna questo pomeriggio ha solo alimentato voci di un esonero prive di fondamento per adesso.

Ma di fatto sotto esame ci sono finite anche alcune scelte di mercato che hanno portato in rosa un parco attaccanti con dieci elementi e che vede al momento alcuni giocatori in ritardo di condizione.

L'Arezzo che cerca una cura non ha però nemmeno il tempo di rifiatare. Mercoledì gli amaranto vanno nella tana di un Como da prendere con le molle e al momento l'unica cura sembra essere quella di tenere i nervi saldi e il sangue freddo. Magari con nuove soluzioni a livello di interpreti sperando possano servire a invertire la rotta di una stagione che per adesso non viaggia alla stessa velocità delle aspettative presentate a inizio luglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento