Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Sono qui per migliorare il risultato di anno scorso". L'ambizione e l'emozione di Di Donato per l'Arezzo

Nella panchina amaranto, l'ex capitano dell'era Gustinetti, Conte e Sarri

 

Daniele Di Donato ha percorso oggi, di nuovo, a distanza di oltre dieci anni, il tunnel dello stadio fino al manto erboso. Ad Arezzo adesso è nella veste di allenatore, dopo essere stato l'amaranto riferimento, il capitano delle formazioni guidate da Elio Gustinetti, quando un solo goal mancò al Cavallino per conquistare l'accesso ai play off per la serie A, poi restò in maglia amaranto nel campionato successivo, il periodo della panchina di Conte e Sarri che adesso sono al top del calcio mondiale.

"E' stato bellissimo, mi ha fatto tornare indietro di 12 anni ricalcare quel corridoio, mi ha fatto ritornare agli anni in cui giocavo."

Ho avuto la fortuna di avere questi tre allenatori. Con il Gus siamo riusciti ad arrivare quasi ai play off e saremmo stata una gatta da pelare, poi Conte e Sarri che sono al top del calcio modniale, Sarri cerco di studiarlo, per vedere quello che fa e avvicinarmi più possibile anche se è difficile."

Accompagnato dal presidente La Cava dal direttore generale Pieroni e da il ds Testini, Di Donato si è presentato alla stampa e ai tifosi amaranto.

"La chiamata del direttore è stata l'arma in più per venire qui, vengo ad Arezzo con grande entusiamo, grande carica. Mi immagino una squadra con la cattiveria giusta che dovrà lottare su ogni singolo centimetro. Sono qui anche con la rabbia per quello che ci fecero dodici anni fa (la retrocessione dalla B alla C per un presunto scandalo nel quale l'Arezzo era solo citato da altri in una telefonata).

"Il modulo, non importa che sia 4-3-3 o 4-4-2, basta che gli interpreti facciano quello che chiedo e si ragioni con un'unica testa."

Non ha nascosto la sua grande ambizione, la voglia di fare bene ad Arezzo, e così come ad Arzignano si è presentato con una promessa:

"Sono molto ambizioso e quest'anno, arrivo con la voglia di migliorare il risultato di anno scorso, voglio fare qualcosa che rimanga."

E i tifosi?

"Mi ricordo bene la curva ho rivisto con piacere il clima che si è ricreato quest'anno, sarà la marcia in più."

Potrebbe Interessarti

  • Vita da lupi: cuccioli a spasso e adulti a caccia. Le immagini rubate nel Parco

  • Il Passo dei Mandrioli diventa quello Del Ringo. L'anonimo omaggio al biker subbianese

  • Marito e moglie si perdono sul cammino di San Francesco e chiamano i carabinieri. Recuperati in elicottero dai vigili del fuoco

  • Pienone al Prato per i fuochi di San Donato. Comanducci: "Arezzo meritava un grande spettacolo"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento