rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Calcio

Domenica c'è il derby. Per l'Arezzo a Perugia solo un colpaccio in cento anni

I precedenti in Umbria sono decisamente favorevoli ai biancorossi. Per gli amaranto l'unica vittoria è datata 15 giugno 1986. Nel 1975 la sconfitta che innescò la rivalità tra le due tifoserie

A Perugia è sempre stata dura per l’Arezzo. Il bilancio dei precedenti lo conferma in modo inequivocabile: 30 partite giocate, 17 vittorie biancorosse, 12 pareggi e un solo colpaccio amaranto che risale al 15 giugno 1986. Quel giorno Riccomini schierò questa formazione: Orsi, Minoia, Butti, Mangoni, Sasso, Gozzoli, Ugolotti (90′ Farina), Di Mauro, Facchini (71′ Neri), Bellini, Muraro. Era l’ultima giornata del campionato di B e l’Arezzo si impose 2-0: gol nel primo tempo firmati da Facchini Ugolotti, proprio davanti al settore ospiti. Con quei due punti gli amaranto agguantarono la salvezza mentre i biancorossi retrocessero in C1. Poi, a causa dello scandalo scommesse, finirono addirittura in C2.

Prima e dopo, al Santa Giuliana e al Renato Curi, l’Arezzo non ha mai vinto. L’11 maggio 1975, sempre in B, si consumò la sconfitta più dolorosa e controversa di tutte, che innescò la rivalità arrivata fino al giorno d’oggi. L’Arezzo, a caccia di punti per restare in categoria, chiuse il primo tempo avanti 2-1 (gol di Villa Pienti) ma il Perugia, in corsa per la prima promozione della sua storia in serie A, ribaltò tutto nel finale con Sollier e Scarpa. In casa amaranto quello venne considerato una sorta di tradimento per il patto (non scritto) in piedi dall’anno prima, quando il presidente Montaini aveva salvato il collega D’Attoma dall’accusa di illecito e dalla retrocessione.

Nella lunga lista dei precedenti ci sono ricordi amari come il primo incrocio in assoluto del 19 marzo 1932 (7-0 per il Grifo), quello del 22 maggio 1983 (3-0 biancorosso con tafferugli fuori dallo stadio, tra le cui vittime anche la futura moglie di Serse Cosmi), quello del 7 aprile 1991 (2-1 per il Perugia e Strukelj rotto per un fallaccio di Fermanelli) e quello del 31 gennaio 2021 (3-0 umbro con lo stadio vuoto per il covid nell’anno che portò l’Arezzo in D).

Decisamente più dolci i derby del primo maggio 1965 (1-1, a segno Flaborea, con l’Arezzo che di lì a poco festeggiò il salto in serie B), dell’8 gennaio 1984 (ancora 1-1, Pellicanò che tiene a galla la squadra parando il rigore di Morbiducci e poi pareggio di Traini al 90′ davanti alla nord) e del 12 marzo 2011 (sempre 1-1, stavolta in serie D, con gli amaranto avanti grazie a Sanguinetti e che portano a casa un punto pesante di fronte a una squadra destinata a salire in C2).

Domenica l’Arezzo ci riprova ma dovrà combattere, oltre che con un avversario più su in classifica, anche contro le statistiche.

Totale precedenti

Partite giocate: 61. Vittorie Arezzo: 15. Pareggi: 23. Vittorie Perugia: 23. Gol Arezzo: 53. Gol Perugia: 65.

Totale precedenti a Perugia

Partite giocate: 30. Vittorie Arezzo: 1. Pareggi: 12. Vittorie Perugia: 17. Gol Arezzo: 15. Gol Perugia: 43.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica c'è il derby. Per l'Arezzo a Perugia solo un colpaccio in cento anni

ArezzoNotizie è in caricamento