menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessandro Dal Canto

Alessandro Dal Canto

Verso Cuneo-Arezzo, Dal Canto: "Primo posto? Sarei bugiardo se dicessi che non ci puntiamo"

Il tecnico sul prossimo incontro di campionato, sulla classifica e gli obiettivi da qui al termine della regular season.

"Se pensiamo al Cuneo sarebbe sbagliato guardare solo la classifica". Alessandro Dal Canto mette in guardia giocatori e tifosi in vista della trasferta in terra piemontese.

"Il Cuneo sul campo avrebbe conquistato 35 punti. Non credo che le problematiche abbiano o possano dare nuova forza anche perchè è così da inizio stagione". All'appello mancheranno Remedi (squalificato) e Belloni, mentre Luciani è da valutare.

"Da quando è tornato in campo dopo la sosta Alessio è stato colpito da un problema legato alla pubalgia - ammette Dal Canto - Pelagatti sarà a disposizione e tornerà dall'inizio per vari motiviBurzigotti così come Borghini quando è stato chiamato in causa si è comportato molto bene e non solo per il gol".

Non ci saranno novità a livello tattico ache se Serrotti potrebbe tornare dietro alle due punte. "E' il migliore in quel ruolo sulla trequartiE' anche vero però che avanzando Serrotti dovrei fare più di un aggiustamento a centrocampo".

Dal Canto torna anche a parlare della vittoria contro l'Olbia ottenuta al termine di una partita in cui l'Arezzo non ha brillato.

"I nostri avversari hanno comunque creato solo tre palle gol di cui uno con Ceter partito da solo da metà campo - prosegue Dal Canto - magari siamo stati più sporchi del solito sia per demeriti nostri che per l'atteggiamento e le qualità del nostro avversarioPurtroppo il campo non è uniforme e non ci aiutae comunque questo non vuole essere un alibi".

Riguardo alla classifica con l'Arezzo secondo da solo, il tecnico parla così.

Non dimentichiamoci che in questo girone ci sono squadre con giocatori importanti, esperti e che hanno investito molto come Entella, Pro Vercelli, Piacenza ma anche Pisa e Siena. Queste ultime due tra l'altro se continuano così potrebbero arrivare vicino a noi in classifica. Ai ragazzi ho detto che potremmo già andare in giro per la città con le bottiglie di champagne stappate per quello che abbiamo fatto. Il messaggio è che dobbiamo goderci quanto fatto fin qui contro avversari che hanno investito molto più di noiDobbiamo comunque continuare a puntare sempre al massimo. Ad ogni modo se invece di arrivare primo arrivo settimo mi gioco un turno in più ai playoff senza problemi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento