Crowdfunding, giornata chiave: si riunisce Orgoglio Amaranto. Senza il sì salta il progetto

I soci del comitato chiamati in assemblea per votare sul progetto crowdfunding che se approvato modificherà lo statuto del club

Se non è una giornata chiave sarà comunque significativa. Orgoglio Amaranto ha convocato per le ore 21 l'assemblea dei soci nella sede che si trova sotto la curva Minghelli. E' il primo passaggio concreto dopo la presentazione del crowdfunding "AMAranto" per procedere con l'attivazione del progetto che punta sull'azionariato popolare.

AMAranto, l'Arezzo con il crowdfunding punta a raccogliere un milione di euro

Già perchè serve l'ok del comitato dei tifosi, che si basa proprio sull'azionariato popolare, senza il quale il progetto che sarebbe poi ospitato sulla piattaforma The Best Equity resterà solo sulla carta. L'obiettivo è di raccogliere dai 500 mila euro al milione di euro attraverso le adesioni di tifosi o comunque soggetti interessati che riceveranno in cambio benefit.
La cifra servirà ad avviare il restyling de Le Caselle, ma anche a potenziare la squadra se ovviamente sarà raggiunta una certa cifra. Ovviamente c'è un tempo stabilito per poter sottoscrivere il progetto (fino a un massimo di 60 giorni) e se la cifra non venisse raccolta i soldi saranno restituiti.

Ma come detto tutto passa dall'assemblea e dal voto di questa sera. Se Orgoglio Amaranto dirà no tutto tramonterà e a quel punto ci sarà anche da capire e valutare il passo successivo. Se invece vincessero i sì il comitato insieme a Giorgio La Cava dovrà sottoscrivere un aumento di capitale da 200mila euro. Ma dovrà anche essere cambiato lo statuto e anche questo è un aspetto che dovrà essere analizzato con attenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cava: "Londrosi? Un amico che ha seguito il progetto"

Giorgio La Cava, che nell'operazione legata al crowdfunding è stato seguito da Massimo Londrosi (ex direttore generale di Pavia e Pro Piacenza), spera ovviamente nella buona riuscita di un progetto che ha registrato l'intervento del sindaco Ghinelli e dell'assessore Nisini. L'amministrazione si è lamentata di non essere stata informata preventivamente ma solo invitata alla conferenza stampa di presentazione del progetto che interessa un'area come quella de Le Caselle che insieme allo stadio vedranno scadere la concessione con la SS Arezzo nel 2022.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Codice giallo per pioggia e temporali: l'elenco dei comuni aretini interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento