Calcio

Il Coronavirus ferma anche i dilettanti: attività sospesa dalla D alla Terza. Stop per le giovanili

Niente partite a porte chiuse. Stop per i dilettanti, dall'Eccellenza alla Terza, e per il settore giovanile

Il comitato regionale della Figc-Lnd ha deciso di bloccare tutta l'attività. In Toscana non verrà disputata nessuna partita a porte chiuse nel prossimo fine settimana. Tutto fermo. La Serie D aveva già comunicato in mattinata la decisione di rinviare la prossima giornata e cancellare tutti i recuperi in programma dall'11 marzo al 1° aprile. La motivazione è stata dettata dal fatto che il decreto emanato ieri sera al punto C dell'articolo 1 recita così:

"[...] le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano".

Controlli come questi comportano non solo tempo per l'organizzazione ma anche e soprattutto costi. Non tutti i club dall'Eccellenza alla Terza hanno un medico sociale, ma solo personale sanitario, massaggiatori o comunque fisioterapisti nella migliore delle ipotesi. Che dire poi degli spogliatoi che potrebbero non garantire la distanza minima di sicurezza. Da qui la decisione di fermare il campionato. Nei prossimi giorni verrà riformulato un nuovo calendario. La serie D di fatto resterà ferma due turni visto che il 22 marzo era in programma lo stop per il Torneo di Viareggio.

Dall'Eccellenza alla Terza e le giovanili: tutti fermi

Per lo stesso motivo che ha portato allo stop della Serie D si fermano anche i campionato di Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza categoria, vale a dire tutte quelle compitizioni organizzate dalla Lnd Toscana e dalle delegazioni provinciali. Fermi anche i campionati giovanili, sia a livello regionale che provinciale. Alcuni impianti della provincia di Arezzo sono al momento off limits e questo avrebbe comportato vari rinvii, nonostante l'ok a livello regionale. Quindi la decisione di fermare tutto per due settimane.

Giusto per fare alcuni esempi Tegoleto e Terranuova Traiana, attive sia a livello dilettantistico che di settore giovanile, hanno già comunicato la sospensione delle loro attività, rinviando tutto a nuove comunicazioni visto che dal 16 marzo tecnicamente si potrebbe tornare in campo, ma con il decreto ancora in vigore resterà l'obbligo di giocare a 'porte chiuse' fino al 1° aprile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Coronavirus ferma anche i dilettanti: attività sospesa dalla D alla Terza. Stop per le giovanili

ArezzoNotizie è in caricamento