Cessione Arezzo: il 10 luglio prime scadenze per l'iscrizione. Ecco perchè il closing si avvicina

Indicatori patrimoniali, liquidità, indebitamento. Le carte da presentare entro il prossimo 10 luglio, motivi per cui possono decollare le trattative

E' un documento a dir poco corposo quello pubblicato ieri sera dalla Figc e che di fatto potrebbe influire sulle trattative per il passaggio di proprietà dell'Arezzo. Si tratta del manuale per le licenze nazionali per il campionato di Serie C 2020/2021 (scarica il file).

Il documento fissa una serie di impegni nel calendario dei club aventi diritto a prendere parte al prossimo torneo di Lega Pro. La prima data da cerchiare in rosso è quella del 10 luglio. Entro quel giorno la Covisoc vuole la situazione patrimoniale dei club al 31 marzo, l’indicatore patrimonializzazione, oltre all’indicatore di liquidità (al 31 marzo 2020). Servirà anche quello di indebitamento e l’indicatore di costo del lavoro. Dovranno essere depositati documenti relativi ai contratti e agli ingaggi dei calciatori. Non sono ammessi passi falsi: chi mancherà all'appuntamento andrà incontro ad un illecito. Altra data importante è quella del 5 agosto. Quel giorno dovrà essere depositata la domanda di ammissione al campionato con la relativa fideiussione.

Cessione Arezzo, la Curva Minghelli: "Pretendiamo chiarezza e garanzie"

Ecco spiegato perchè il closing potrebbe essere così vicino. Giorgio La Cava ha manifestato l'intenzione di passare la mano dopo due stagioni, dopo aver propiziato la rinascita assieme a Massimo Anselmi e ad Orgoglio Amaranto, arrivando fino alla finale playoff per la B. L'attuale presidente sa quanto sia delicata la data del 10 luglio e di questo ne sono consapevoli gli acquirenti, vale a dire Andrea Stanzione e i tre soci che sono con lui. A tal proposito è stato smentito il nome di Nicola Di Matteo, tra quelli dei soci di Stanzione.

Stanzione esce allo scoperto: "Vogliamo l'Arezzo. Pieroni cerca solo di rimanere a galla"

A Roma sta per terminare l'analisi di tutti i documenti del Cavallino. Una vera e propria montagna quella che Giovanni Grazzini e Marco Grotti hanno predisposto in base alle richieste dei possibili acquirenti. Nel giro di poche ore verrà messo in calendario il summit nella capitale che potrebbe rivelarsi decisivo. Tutto questo senza dimenticare le parole di Ermanno Pieroni che ha detto di avere due imprenditori pronti a fare una controfferta. Il tempo ad ogni modo è tiranno e da lunedì partirà un vero e proprio sprint, anche perchè chi entra dovrà poi predisporre tutti gli incartamenti richiesti. Il closing potrebbe essere dietro l'angolo, con l'iscrizione al campionato che è il primo apputtamento decisivo per tutta Arezzo, anche per non perdere il valore aziendale della club.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento