Cardini si dimette, il direttore sportivo lascia la Sansovino

Lascia il direttore. Domenica c'è la sfida verità a Cesa nella domenica dei derby

Acque agitate in casa Sansovino, anche se da Monte San Savino precisano subito che si tratta di una 'semplice divergenza di vedute' tra società e il dirigente che si è appena dimesso. Dopo il ko con il Tegoleto, maturato nell'ultimo turno di campionato contro l'ex Brilli in trasferta, in casa arancioblù si è tenuta una riunione. Un summit alla luce anche delle proteste dei tifosi savinesi che si apsettavano di iniziare il 2020 su ben altri ritmi. E invece ecco il pari con il Capolona Quarata e la sconfitta al Comunale di Badia al Pino. La vittoria manca ormai da quattro turni. Dopo il 3-2 in casa contro il Rassina è arrivato il pari con lo Spoiano (1-1), bestia nera della Sansovino, poi il pari con il Torrita, quella con il Capolona e l'ultimo ko. In classifica il Montagnano è tornato al primo posto mentre l'Alberoro ha agguantato la Sansovino.

La Sansovino, partita con l'intenzione di disputare un torneo da protagonista, a dicembre si è rinforzata sul mercato, ma la marcia ha registrato un rallentamento che ha portato Cardini a dimettersi. Un momento di difficoltà sul piano dei risultati che la società presieduta da Alessandro Iacomoni spera di superare quanto prima, magari già domenica quando sarà di scena in casa del Valdichiana nella giornata dei derby. A pochi chilometri di distanza dall'impianto sportivo di Cesa andrà in scena tra l'altro Montagnano-Alberoro, il derby di alta classifica tra la prima e la seconda della classe.
Una domenica che potrebbe far risorgere o acuire le difficoltà di questo mese di gennaio per la Sansovino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di certo però dalle parti dello stadio de Le Fonti la proprietà fa intendere che tra l'attuale dirigenza, staff tecnico, giocatori e tifosi c'è la massima tranquillità, consapevoli ovviamente di quanto siano importanti i prossimi scontri diretti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento