Anche il Milan sulle tracce di Abdallah Basit

Un osservatore dei rossoneri a Pontedera. L'Arezzo punta sulla valorizzazione, ma solo il 50 per cento di una eventuale cessione spetterà al Cavallino.

Basit in azione a Pontedera

Continua ad essere un nome tra i gettonati quello di Abdallah Basit quando si parla di talenti emergenti che stuzzicano i club di serie A. Dopo l'interesse di Fiorentina, Sassuolo e Torino, senza dimenticare poile visite mediche svolte a Genova, su Basit si è portato il Milan.

A Pontedera il centrocampista classe 1999, tesserato a costo zero e sotto contratto fino al 2020, è tornato titolare. L'ultima apparizione risaliva al 30 dicembre scorso. E proprio in tribuna a Pontedera era presente un osservatore del Milan che ha seguito la partita di Basit, uscito pochi minuti dopo aver rimediato un cartellino giallo. "Ho preferito toglierlo perchè tre volte su tre dopo averlo ammonito lo buttano fuori" ha detto Dal Canto motivando il cambio del play basso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accordo su una eventuale cessione

L'Arezzo spera e intende monetizzare a fine stagione una bella cifra dalla cessione di Basit. Con il Genoa l'affare si è arenato quando la cifra complessiva del trasferimento si aggirava sul milione di euro. Tutto rinviato nonostante le visite mediche che lasciavano intendere quanto fosse vicina la firma. Tra giugno e luglio il Cavallino, che scommette sulla crescita del giocatore, proverà a far valere quel contratto con scadenza 30 giugno 2020 per ottenere il massimo. Anche perchè un milione di euro è una bella cifra ma solo la metà finirà nelle casse del club amaranto. C'è infatti un accordo tra la società e il procuratore del giocatore a cui andrà il 50 per cento della eventuale rivendita come spiegato dal presidente La Cava su Amaranto Magazine. "Il giocatore doveva andare da un'altra parte, il suo procuratore ce l'ha offerto a patto che il cinquanta per cento di un'eventuale rivendita finisse a lui".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Trovato morto l'uomo scomparso da 15 giorni

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

  • Altri nove positivi in provincia di Arezzo: per lo più giovani e giovanissimi rientrati da Grecia, India e Romania

  • Positivi al Covid dopo le vacanze a Corfù, il racconto: "Solo noi con la mascherina in discoteca, l'abbiamo tolta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento