Il gruppo Stanzione fa il punto, Pieroni prepara la sua mossa. Il tempo stringe e l'Arezzo cerca un futuro

Stanzione e i suoi soci dopo aver visionato le carte decidono in giornata come muoversi. Pieroni vuole rilanciare

Una cosa è certa, qualunque trattativa sia in piedi c'è stato un rallentamento e adesso il tempo inizia a scarseggiare. Ecco perchè già in giornata sono attese novità, sia da un parte che dall'altra.

A Roma si riuniranno Andrea Stanzione e gli imprenditori che formano il suo gruppo, quello che ha ricevuto da Arezzo tutti gli incartamenti richiesti. Una mole a dir poco considerevole di carte che fotografano nei minimi dettagli il Cavallino. Dalle entrate, alle spese come ingaggi, contratti, fisco e contributi. Una serie di documenti che i possibili acquirenti hanno chiesto per valutare l'entità dell'investimento, la gestione e soprattutto che tipo di offerta formulare. Insomma, in giornata sarà possibile capire come intenderà procedere il gruppo di Andrea Stanzione.

Ma attenzione a dimenticare la strada che porta a Ermanno Pieroni, anzi, che il vicepresidente ha tracciato. Pieroni ha detto di aver individuato due imprenditori non aretini pronti a rilevare il club. Proprio nelle prossime ore il vicepresidente presenterà a La Cava il suo piano.

Lo snodo cruciale è atteso a breve. Non è una frase fatta, ma una logica conseguenza del calendario con gli impegni che i club di serie C non possono sgarrare. Il 10 luglio c'è una documentazione relativa a patrimonio e indebitamento che la Covisoc attende. Chi non la presenta commette un illecito. Il 5 agosto sarà la volta dell'iscrizione con tutti i pagamenti del caso da effettuare, dimostrando di essere in regola con il saldo degli stipendi. E proprio su questo tema si è accesa la battaglia tra Londrosi (vicino a Stanzione) e Pieroni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da un lato c'è chi sottolinea che non c'è alcun accordo sottoscritto tra le parti per la decurtazione degli ingaggi, dall'altra c'è Pieroni che dichiara l'opposto. L'unica cosa certa, ad oggi, è che su questo tema comunicati stampa ufficiali da parte del club o del sindacato non ce ne sono, ma ciò non significa che non sia stato trattato l'argomento. Non va poi dimenticato il bilancio, chiuso al 30 giugno, da approvare nel giro di alcune settimane e in caso da ripianare. Il futuro dell'Arezzo si gioca nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento