rotate-mobile
Calcio

L'Arezzo in trasferta con l'Ostiamare. Assenze e insidie, serve una grande partita

Indiani deve fare fronte a infortuni e squalifiche ma non perde la sua consueta fiducia. Quattro indisponibili, anche Diallo in forte dubbio, aggregati tre ragazzi della Juniores

Gaddini no, Risaliti no, Settembrini no, Zona no, Diallo più no che sì. Ostiamare diventa un crocevia delicato per l'Arezzo, non solo per le insidie della gara in sé ma anche per le scelte a disposizione di Indiani che si riducono sensibilmente a causa di infortuni e squalifiche.

All'elenco degli assenti, oltretutto, va aggiunto anche Lorenzini, rientrato in settimana al Trestina dopo aver trovato pochissimo spazio. E Boubacar, che è in ballottaggio con Gucci per il ruolo di centravanti, ha praticamente le valigie in mano: quella di domani potrebbe essere l'ultima apparizione in amaranto prima del trasferimento.

Insomma, l'allenatore avrebbe di sicuro preferito vivere un'altra vigilia, considerando che poi dietro l'angolo c'è la trasferta di Piancastagnaio contro quella che a oggi è la capolista del girone e che sopravanza l'Arezzo di 2 punti.

“Ma non cerco alibi né per gli indisponibili né per il campo sintetico” ha detto Paolo Indiani in conferenza stampa. “Ho almeno 16 elementi di livello che sono in grado di vincere la partita. Il nostro obiettivo non cambia, anche se davanti troveremo un avversario che ha più qualità di quanto dica la sua classifica”.

I laziali in effetti sono in zona playout, con un attacco sterile (8 gol segnati finora in 12 giornate) e uno dei migliori elementi, la punta De Cenco, fuori per un guaio muscolare. Però la società biancoviola ha chiamato a raccolta il suo pubblico all'impianto di Aranova e punta a una grande prestazione.

“La mia squadra sta bene – ha aggiunto Indiani – e i dati relativi agli allenamenti e alle partite ce lo confermano. Gucci è arrivato da poco ma mi ha sorpreso in positivo. E' pronto per giocare, anche se non ha ancora i 90 minuti. La Pianese? Ci penseremo dalla prossima settimana, adesso dobbiamo tirare fuori una bella prestazione contro l'Ostiamare”.

Si giocherà sul sintetico ma il tecnico amaranto non vuole sentir parlare di scusanti nemmeno in questo caso: “Ci siamo allenati sui campi di calcio a 5 e non è proprio la stessa cosa. Ma ad Aranova l'erba artificiale è di ultima generazione, le dimensioni del terreno sono simili a quelle del Comunale e quindi credo, spero che non ci saranno troppi problemi”.

Per quanto riguarda la formazione, sarà ancora 433. Trombini, Pericolini e Poggesi sono sicuri di giocare in difesa. Per il ruolo di centrale c'è ballottaggio a tre fra Bruni, Polvani e Lazzarini, con quest'ultimo che potrebbe anche essere utilizzato in mediana. A centrocampo Castiglia titolare; Bianchi, Damiani e Forte si giocano le altre due maglie. In avanti Bramante, Convitto e Pattarello si contendono i due posti da esterni. Aggregati al gruppo i giovani Scichilone, Stopponi e Zhupa della Juniores

Circa 150 i tifosi aretini che si metteranno in viaggio per il Lazio al seguito della squadra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Arezzo in trasferta con l'Ostiamare. Assenze e insidie, serve una grande partita

ArezzoNotizie è in caricamento