menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre turni a Gorgone, due a Cherubin: le decisioni del Giudice sportivo. Idea Pinna per la difesa

Sette turni di squalifica in totale tra vice allenatore e calciatori. Il punto sul mercato

Tre turni al secondo di mister Stellone, due a Cherubin, uno a Sbraga e uno ad Arini. Ecco le sanzioni comminate all'Arezzo da parte del Giudice sportivo in base a quanto scritto nel referto da parte del direttore di gara, quarto uomo e procura federale.

Tre giornate a Giorgio Gorgone, allenatore in seconda dell'Arezzo per 'per comportamento irriguardoso verso l'arbitro. Allontanato dal terreno di gioco, rientrando negli spogliatoi reiterava frasi offensive e minacciose' hanno scritto nel referto quarto uomo e procura federale. Due turni a Cherubin perchè secondo il direttore di gara Costanza di Agrigento il centrale amaranto ha colpito volontariamente 'con una manata al viso un avversario con il pallone non a distanza di gioco'. Episodio da rivedere visto che per essere onesti il fallo è stato commesso mentre il pallone stava arrivando in area e sia Cherubin che Miracoli si stavano strattonando. Una giornata a Sbraga 'per aver giocato il pallone con le mani impedendo la segnatura di una rete', sanzione di fatto attesa in questa misura. Un turno anche per Mariano Arini che era in diffida alla vigilia della sfida con la Feralpisalò.

L'Arezzo prepara un dossier sui torti arbitrali. Manzo: "Meritiamo rispetto. La salvezza? Lotteremo fino alla fine"

Gli Ultras contro l'Associazione arbitri

Tre striscioni sono comparsi in viale Gramsci recanti la firma degli Ultras Arezzo. Il gruppo del tifo organizzato ha lanciato un messaggio ben chiaro alla squadra approvando di fatto il nuovo atteggiamento e la mentalità vista contro la Feralpisalò andando al tempo stesso contro l'Associazione Arbitri che ha allo stadio la propria sezione. Due striscioni che sono l'eco delle proteste che stanno montando da sabato nei confronti di Antonino Costanza di Agrigento e delle sue decisioni, per le quali (e non solo) il Cavallino sta preparando un dossier.

Il mercato: idea Pinna ma serve sfoltire più che mai

Fuori Sbraga per squalifica, idem Cherubin. Un Baldan in partenza da giorni destinato o alla Cavese o al Livorno (ma serve una nuova fideiussione), Bonaccorsi fuori dai 24 da mesi. L'Arezzo è in piena emergenza difensiva in vista del derby. Ecco spiegato perchè potrebbe arrivare un nuovo difensore. Piace Paride Pinna, classe 1992 del Catanzaro. I calabaresi però non vorrebbero lasciarlo partire ocme raccolto da Catanzaro. Anche perchè il Catanzaro nel momento in cui ha ceduto Altobelli all'Arezzo stava appunto cercando un centrale difensivo. Nelle prossime ore sono attese novità in un senso o nell'altro. C'è da dire che l'Arezzo sta comunque sondando altri profili in grado anche di dare spessore alla corsia mancina che tra Nader prima e un Karkalis in cerca di sicurezza per adesso non ha convinto.

Ad ogni modo acquistare un difensore significa cedere almeno uno o due pezzi. Da settimane l'Arezzo prova a liberarsi dei giocatori in prestito (Sakho, Sportelli, Sane) oltre a Maleš, Bonaccorsi, Raja e Bortoletti, uno dei pochi aveva destato l'interesse di alcune pretendenti. Il nodo però è sempre quello: cedere è sempre molto più difficile che comprare soprattutto in un mercato con pochi soldi come questo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento