menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea Sbraga

Andrea Sbraga

Idea Sbraga per la difesa. L'Arezzo ci prova

Piace il leader della difesa del Novara. Trattativa ben avviata

Non solo il centrocampo con l'arrivo di Matteo Serrotti e quello di Daniele Altobelli (atteso nelle prossime ore in viale Gramsci). L'Arezzo pensa anche alla linea difensiva. Il Cavallino ha messo nel mirino un centrale alla luce anche dei recenti problemi fisici che hanno tenuto ai box Nicolò Cherubin. Il difensore ex Padova anche oggi si è allenato a parte e contro il Legango era rientrato in extremis dopo il problema muscolare che lo aveva tenuto ai box contro la Vis Pesaro. Il rischio di andare a Ravenna con solo due centrali di ruolo (Borghini e Baldan) è quanto mai concreto visto che Kodr deve scontare l'ultima giornata di squalifica.

Il nome nuovo nel taccuino dei dirigenti del Cavallino sarebbe quello di Andrea Sbraga. Il classe 1992 originario di Roma è attualmente in forza al Novara con cui è sotto contratto fino al 2022. Sbraga è cresciuto tra le fila dell'Atletico Roma per passare poi alla Lazio, quindi al Pisa, alla Salernitana, alla Carrarese, al Siena, al Padova e quindi al Novara. Oltre 200 presenze in serie C per un difensore che la stampa azzurra segnala in uscita con Arezzo prima destinazione per un difensore che fa dell'esperienza, del temperamento e della forza fisica il suo punto di forza. Sbraga può essere definito un leader del reparto arretrato, uno di quei calciatori che guidano la linea, e solo pochi mesi fa davanti alla possibilità di una sua cessione alla Triestina i tifosi piemontesi manifestarono tutto il loro dissenso. Se la trattativa è concreta e potrà prendere consistenza si saprà già nella conferenza stampa di presentazione di Enzo De Vito in calendario domani allo stadio.

Piccola curiosità: Sbraga ha affrontato l'Arezzo cinque volte in carriera segnando anche un gol al Comunale nel match vinto dagli amaranto per 3-1.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento