rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Calcio

Arezzo, la vittoria che ci voleva. Adesso vietato fermarsi. Mercato: preso Giofrè, piace Burzio

Il rotondo 2-0 sulla Pianese consente alla squadra di vivere una settimana più tranquilla. Foggia resta ma un rinforzo in avanti arriverà comunque: nel mirino l'argentino del Lavello. Ufficiale l'acquisto del terzino ex Turris. Con il Cannara si gioca sabato

BELLA VITTORIA. L'Arezzo vince e vince bene, agevolato dal gol segnato dopo neanche un minuto su gentile omaggio degli avversari. I tre punti, dal punto di vista statistico, fanno notizia perché è il primo scontro diretto portato a casa in stagione (anche se il Trestina, battuto 2-1 nella gara d'esordio, è risalito molto in classifica). Inoltre Colombo non chiudeva con la porta inviolata da cinque turni. E soprattutto Foggia non aveva mai segnato al Comunale. Ieri invece, oltre a sbloccare il risultato, ha colpito un palo, firmato l'assist per il 2-0 e giocato un partitone. Il tutto con la fascia da capitano al braccio. La prestazione lo toglie definitivamente dal mercato, sperando che il mal di gol sia definitivamente alle spalle. Il resto è solo positività, nonostante il giocatore più forte (Strambelli) sedesse in tribuna infortunato: pronti, via, 1-0 e campo in discesa, come se ci fosse stato bisogno dell'episodio giusto per sciogliere la squadra, di lì in avanti più corta, più dinamica, più aggressiva. Bene tutti, anche gli under e alcuni risultati dagli altri campi. Di strada davanti ce n'è molta e all'Arezzo serve assolutamente un filotto di vittorie. Ma non esiste campionato chiuso a metà dicembre.

ARRIVA GIOFRE', PIACE BURZIO. Ufficiale l'acquisto di Paolo Giofrè, terzino sinistro classe 2001 che l'Arezzo ha prelevato dalla Turris. Il ragazzo ha vinto due campionati di serie D consecutivi: nel 2020 a Torre del Greco, l'anno scorso al Messina. Sarà disponibile dalla partita con il Badesse del 22 dicembre. Manca pochissimo anche per Samuele Zona (2002), terzino sinistro anche lui, prelevato dal Rieti. Reduce da un infortunio alla caviglia, sarà convocabile da gennaio. Intanto Foggia, come spiegato dal ds Tromboni, è definitivamente fuori dal mercato, anche se in attacco arriverà comunque un altro attaccante. La partita di ieri contro la Pianese ha segnato una svolta importante riguardo la campagna trasferimenti che chiuderà il 30 dicembre. Tra i nomi che circolano c'è anche quello dell'argentino Pablo Burzio, classe 1992, attualmente in serie D al club potentino del Lavello. Burzio finora ha segnato 8 gol ed è corteggiatissimo anche in Lega Pro, nonostante il Lavello nei giorni scorsi abbia ribadito che l'attaccante è sotto contratto fino al 2023 e che pertanto è da ritenersi incedibile. L'Arezzo però, a prescindere dalla concorrenza di Taranto e Picerno, un tentativo lo farà.

Arezzo_Pianese_2021_Calderini-2

NUOVA LINFA. I nuovi, dopo il primo tempo incolore con la Pro Livorno, sono saliti in cattedra e hanno portato linfa alla squadra. Il fatto che Pizzutelli, Calderini e Marchi siano tutti andati in gol forse è un caso ma forse no. E anche Frosali si è concesso un debutto incoraggiante. In quest'Arezzo c'è tremendamente bisogno di cose buone, sia dal punto di vista tecnico che mentale. E avere la testa sgombra, rispetto a chi ha vissuto le giornate maledette di Gavorrano, San Giovanni e Poggibonsi, è un vantaggio non da poco. Anche per Sussi.

GIRA LA RUOTA. Gli episodi indirizzano le partite e questa è una banalità risaputa. Trovarsi avanti di un gol dopo mezzo minuto, per un clamoroso infortunio della Pianese, ha spianato la strada e agevolato il compito. Però poi l'Arezzo è stato bravo a tenere in pugno la gara, mettendo a nudo le fragilità difensive di un avversario che non vince da sette turni. In ogni caso, se la ruota gira c'è soltanto da esserne contenti. E la sconfitta interna del San Donato sembra avvalorare la tesi.

SABATO A CANNARA. La prossima partita di campionato si giocherà sabato alle 14.30. Cannara e Arezzo avranno così un giorno in più per preparare il successivo turno infrasetiimanale del 22 dicembre (al Comunale arriverà il Lornano Badesse). L'impianto della squadra perugina è molto piccolo e senza ingressi diversificati per separare tifosi locali e ospiti, ma per il momento l'ipotesi estrema delle porte chiuse sembra scongiurata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arezzo, la vittoria che ci voleva. Adesso vietato fermarsi. Mercato: preso Giofrè, piace Burzio

ArezzoNotizie è in caricamento