rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Calcio

L'Arezzo ha il vento alle spalle. Servono altri 3 punti per consolidare la fuga

Gli amaranto domani ospitano il Montespaccato. Dopo il 4-0 di Livorno, il rischio è di sottovalutare l'avversario ultimo in classifica ma Indiani tiene tutti in riga. La squadra va a caccia della settima vittoria consecutiva

Paolo Indiani in conferenza stampa aveva lo sguardo arcigno di chi fiuta il pericolo. Il Montespaccato dopo il Livorno, l'ultima in classifica dopo il derby ha le sembianze della classica buccia di banana, messa lì per buttare gambe all'aria la partita e il finale di stagione. L'allenatore dell'Arezzo, scafato come pochi, sa che abbassare il livello di attenzione potrebbe costare carissimo e non vuole correre questo rischio.

“Annusando l'aria che c'è in giro, sembra quasi che abbiamo già vinto il campionato – ha commentato il mister. Nulla di più sbagliato, mancano 7 giornate e c'è tanto lavoro da fare. Domani non possiamo steccare”.

Il Montespaccato, ultimo a pari punti con Terranuova e Trestina, in effetti è in salute. Non perde da 5 giornate, di recente ha pareggiato a Livorno e sette giorni fa ha battuto il Tau in uno scontro diretto che ha riacceso le speranze di salvezza. Verrà a vendere cara la pelle, senza contare che davanti ha gente di buona qualità.

“Ma dipende da noi – ha chiosato Indiani. I ragazzi hanno dimostrato cosa sanno fare, l'importante è che trovino le motivazioni giuste per dare il massimo. La partita di Livorno si preparava da sola, stavolta dobbiamo metterci del nostro”.

Se i romani hanno conquistato 9 punti negli ultimi 5 turni di campionato, l'Arezzo ne ha messi insieme 18 negli ultimi 6, vincendo sempre sia in casa che in trasferta. Eguagliata la striscia di inizio torneo, adesso c'è l'opportunità di ritoccare il record stagionale, con tutti i benefici per la classifica che ne potrebbero derivare.

Per questo, al di là di una rotazione di uomini che Indiani ha sempre messo in atto, non si prevedono grandi cambiamenti rispetto all'undici che ha sbancato l'Ardenza. Trombini (416 minuti d'imbattibilità) guiderà la difesa dove uno tra Polvani e Risaliti potrebbe prendersi un turno di pausa. Ma è solo un'ipotesi. Come è un'ipotesi che Foglia, Arduini o Bianchi possano trovare posto a centrocampo. In avanti vanno verso la conferma sia Cantisani che Gucci, autori rispettivamente di due e un gol al “Picchi”. L'altra maglia nel tridente se la giocano Pattarello, Gaddini, Convitto e Bramante.

A prescindere dalle scelte di Indiani, l'obiettivo è chiaro. Siamo nel momento topico del campionato e l'Arezzo ha il vento alle spalle da sfruttare fino in fondo. Le insidie sono sempre dietro l'angolo ma la squadra ha acquisito la maturità necessaria per disinnescarle. E con la sosta del 26 marzo all'orizzonte, vincere domani metterebbe in discesa l'ultimo tratto di strada.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Arezzo ha il vento alle spalle. Servono altri 3 punti per consolidare la fuga

ArezzoNotizie è in caricamento