menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sbraga e Altobelli: l'Arezzo sistema difesa e centrocampo. A ore l'annuncio

Un leader per la difesa e un mediano per dare centimetri e forza. L'Arezzo adesso cerca una punta e soprattutto di sfoltire la rosa

Per il comunicato ufficiale è ormai questione di ore. Andrea Sbraga e Daniele Altobelli sono pronti a vestire la maglia amaranto come anticipato nella giornata di ieri. L'annuncio per entrambi i giocatori arriverà quanto prima, già nella giornata di oggi, al più tardi domani, visto che i dirigenti di Novara e Catanzaro hanno di fatto lasciato trapelare la partenza dei due calciatori e la loro comune destinazione.

Andrea Sbraga, classe 1992, puuò essere tranquillamente definito un leader prima ancora che un difensore centrale. Un metro e 92 di altezza, forte nel gioco aereo, sa impostare l'azione, guidare la linea e farsi rispettare. L'Arezzo lo ha già affrontato da avversario con la maglia di Carrarese, Siena e Novara. E proprio con i piemontesi siglò il gol del vantaggio contro la formazione di Daniele Di Donato che poi andò a vincere per 3-1. Un calciatore con oltre 200 presenze in serie C che alla notizia in estate della sua possibile partenza per Trieste, vide andare in scena la protesta via web dei tifosi azzurri. Per l'Arezzo è un innesto decisamente importante e che potrebbe già debuttare a Ravenna se non ci saranno intoppi, complice la squalifica di Kodr e il problema muscolare di Cherubin.

E a Ravenna potrebbe essere con il gruppo anche Daniele Altobelli. Il classe 1993 ha lasciato Catanzaro accettando il contratto fino al 2023 con l'Arezzo. Un mediano roccioso, pronto soprattutto a fornire copertura alla manovra del Cavallino. Dalla Calabria hanno già ufficializzato seppur indirettamente la partenza verso viale Gramsci con l'annuncio atteso a breve. Non ci saranno contropartite tecniche, ipotesi circolata nei giorni scorsi alla luce dell'interesse del Catanzaro di un difensore per irrobustire la propria retroguardia. Anche per l'ex Feralpi, Pro Vercelli e Ascoli, Ravenna potrebbe segnare il debutto.

IN AGGIORNAMENTO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lampi e tuoni, come calcolare la distanza di un temporale

social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento