Arezzo così proprio non va: la Juve vince in rimonta (1-2)

Foglia illude, Mota Carvalho pareggia e Clemenza firma il sorpasso. Gori fallisce un penalty e la Juventus trova la prima vittoria

Belloni in azione

Sono cinque le novità in formazione per l'Arezzo rispetto alla partita di domenica scorsa a Crema. In porta c'è Daga, in difesa confermata la linea difensiva del secondo tempo. Con Foglia c'è Tassi in mediana mentre in attacco debuttano dall'inizio sia Gori che Piu. L'attaccante prodotto del vivaio viola tra l'altro vanta uno score di tutto rispetto contro la Juventus. L'Arezzo ne ha bisogno per riprendere il cammino dopo i veleni e la rabbia degli ultimi 90'. Si gioca in una atmosfera ovvattata: i gruppi della Curva Sud disertano il match per protesta contro le squadre B. Prima del fischio d'inizio è stato osservato 1' di silenzio per ricordare Benito Butali.

La protesta contro le squadre B finisce anche sul pullman della Juventus

Inizia meglio la Juventus, ma senza far male. Al 4' l'Arezzo riparte con Cutolo, suggerimento in fascia per Belloni che appoggia all'indietro dove Foglia di prima intenzione batte Loria. I bianconeri replicano subito. Prima con Lanini che a tu per tu con Daga gli spara addosso e poco dopo con Mota Carvalho che pareggia sfruttando l'uscita infelice di Daga (in precedenza Lanini si era visto annullare un gol per fuorigioco). Partita più viva che mai con continui ribaltamenti di fronte. Al 12' ancora pericoloso Foglia che con un tiro da fuori area non trova per un soffio l'angolino alla destra di Loria. Al 20' il direttore di gara sventola il cartellino rosso per il tecnico dei bianconeri Pecchia, che stava sbraitando dalla panchina. Il match continua a vivere su ritmi piuttosto alti, gli ospiti sono da alcuni minuti costantemente in fase offensiva. Al 41' clamorosa ripartenza della Juventus con Lanini che ha il tempo per appoggiarla al compagno tutto solo dentro l'area, ma sbaglia clamorosamente.
Prima dell'intervallo ecco il copacico della Juventus. Mosti atterra in area Olivieri. L'arbitro indica il rigore e Clemenza non sbaglia. Partita ribaltata prima del riposo.

Inizia la ripresa con Rolando che prende il posto di Piu. L'Arezzo si affaccia subito in avanti grazie ad una punizione laterale di Foglia che innesta l'appoggio di testa di Rolando per Gori che si gira a centro area e calcia a botta sicura, blocca senza problemi il numero 22 bianconero. Con Rolando la manovra è più vivace davanti e proprio il numero 23 amaranto respinge un'uscita di Loria, la palla finisce alto di un soffio. Nel frattempo gli ospiti hanno effettuato un doppio cambio. Al 62' Di Donato richiama in panchina Tassi e Cutolo per Benucci e Cheddira. Scocca il 68' e il direttore di gara decreta un calcio di rigore per fallo in area su Rolando. Sul dischetto si presenta Gori che si fa ipnotizzare da Loria che respinge il penalty, sulla respinta la difesa bianconera si salva in corner. Padroni di casa costantemente nell'area avversaria, ma i bianconeri hanno alzato un muro davanti a Loria. La Juventus ha terminato i cambi, per gli amaranto dentro Mesina per Gori, uscito comunque tra gli applausi. In campo c'è molta confusione, l'Arezzo non riesce a scardinare la difesa juventina che in maniera sporca sta stoppando gli attacchi dei padroni di casa. Di Donato prova il tutto per tutto, toglie un difensore Mosti per Caso. L'arbitro concede 6' di recupero, Caso sfiora il gol nell'extratime ma non c'è nulla da fare.

La parola crisi fa paura ma inizia a palesarsi all'orizzonte. E domenica intanto arriva l'Albinoleffe.

AREZZO (4-2-4): 22 Daga; 2 Mosti (45' st 20 Caso), 4 Nolan, 27 Baldan, 16 Luciani; 8 Foglia, 29 Tassi (17' st 21 Benucci), 7 Belloni, 10 Cutolo (17' st 30 Cheddira), 18 Gori (37' st 9 Mesina), 14 Piu (1' st 23 Rolando).
A disposizione: 12 Casini, 15 Sbarzella, 17 Barbini, 25 Sussi, 28 Raja, 34 Bordonaro, 35 Fazzuoli.
Allenatore: Daniele Di Donato.
Infortunati: 3 Sereni, 5 Borghini, 6 Picchi, 7 Zini, 19 Corrado, 24 Burzigotti, 31 Volpicelli, 33 Dell’Agnello. Squalificati: 1 Pissardo (1).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

JUVENTUS U23 (4-2-3-1): 22 Loria; 2 Rosa (36' st 31 Selasi), 35 Alcibiade, 3 Coccolo, 20 Beruatto (11' st 24 Frabotta) 15 Toure, 21 Clemenza; 17 Zanimacchia, 7 Lanini (20' st 27 Han), 11 Olivieri (36' st 36 Gerbi), 9 Mota Carvalho (11' st 8 Portanova).
A disposizione: 1 Nocchi, 6 Peeters, 13 Mule, 19 Rafia, 33 Delli Carri, 34 Dadone.
Allenatore: Fabio Pecchia.
ARBITRO: Luca Angelucci di Foligno (Pietro Lattanzi di Milano - Luca Valletta di Napoli).
RETI: pt 4' Foglia, 8' Mota Carvalho, 46' Clemenza rig.
Note - Spettatori: 1.000 circa. Recupero: 2' + 6'. Angoli: 5-4. Ammoniti: pt 8' Luciani, pt 30' Foglia; st 38' Loria, 44' Portanova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Covid: 78 nuovi casi nell'Aretino. Un 29enne ricoverato in ospedale

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Ciclista trovato riverso sulla strada, l'appello della famiglia: "Se qualcuno ha visto, contatti la Municipale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento