Arezzo in emergenza con il Legnago. Le scuse (tardive) di Di Donato

Il Cavallino contro il Legnago che sia difesa a tre o a quattro dovrà ridisegnare il proprio assetto

È emergenza difesa in casa Arezzo. Un turno a Borghini, due a Kodr. Il Cavallino contro il Legnago che sia difesa a tre o a quattro dovrà ridisegnare il proprio assetto. Luciani braccetto, Bortoletti nel pacchetto arretrato come centrale o terzo, oppure Arini. Ecco le ipotesi che vanno per la maggiore di un Cavallino che dopo essere stato mazziato come non mai dal signor Mario Davide Arace cerca di trovare un assetto quanto meno adeguato per affrontare il Legnago nell'ultimo turno casalingo dell'anno solare.

Baldan per forza di cose dovrà giocare dall'inizio. Da capire se sarà affiancato da Luciani, Bortoletti e Arini, oppure se saranno richiamati Sportelli e Bonaccorsi, due difensori centrali segnalati come esuberi e in uscita a gennaio.

Le parole di Di Donato

L'ex amaranto ha chiesto scusa provando a rimediare all'atteggiamento e alle parole pronunciate nell'intervista in diretta su Teletruria e nei pressi della stampa. Il tecnico ha chiesto scusa al pubblico amaranto tramite le colonne del sito della Vis Pesaro consapevole di aver oltrepassato il segno, rischiando di fatto anche sanzioni, per qualche parola di troppo imputata all'adrenalina.

Di seguito il testo pubblicato dalla Vis Pesaro.

"Non nascondo che la gara di ieri fosse particolare per me, dato che Arezzo è stata una tappa fondamentale per la mia carriera da calciatore. Ho fatto parte di uno dei migliori Arezzo di sempre e il club è stata la culla per il mio esordio da allenatore nei professionisti. Ieri, a fine partita, ancora con l’adrenalina dell’incontro, ho esternato delle dichiarazioni che non intendevano recare offesa alla città, alla società Arezzo, agli addetti ai lavori e allo stupendo pubblico Aretino che è sempre caloroso e vicino alla squadra. Come ho già spiegato nell’intervista ai giornalisti di Arezzo, la scorsa estate attendevo semplicemente una chiamata di cortesia che mi potesse liberare o che mi permettesse di proseguire un percorso che si stava delineando roseo, interrotto bruscamente solo a causa del Covid. L’augurio che faccio a tutti i tifosi Aretini è di tornare presto a gioire per i successi del loro SS Arezzo".

Scuse che comunque lasciano l'amaro in bocca, anche solo perchè pronunciarle non è solo l'ex allenatore ma un ex capitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Marito e moglie fermati da finti militari, picchiati e rapinati

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento