Arezzo-Dal Canto, una fase di stallo da superare. Attesa per l'incontro

Il tecnico sembra voler chiedere certezze, l'Arezzo in primis vorrebbe far rispettare il contratto. Posizioni diverse con lo stesso obiettivo: provare a migliorarsi

Contatti diretti non ci sono stati ma la sensazione è quella che a breve, magari già all'inizio della prossima settimana, l'Arezzo o Dal Canto possano fissare un nuovo incontro. Anche perchè la fase di stallo non serve a nessuna delle due parti.
Non serve all'Arezzo che dopo aver fissato come priorità l'iscrizione al prossimo torneo vorrebbe programmare il secondo anno del progetto triennale varato dodici mesi fa con Alessandro Dal Canto ripartendo da alcune certezze. Non serve al mister nè se dovesse restare nè se dovesse ricevere altre chiamate.

La posizione del club amaranto è chiara. L'Arezzo si rende conto che il gioco espresso da Cutolo e compagni ha portato alla ribalta Dal Canto e che dalla serie B potrebbe arrivare qualche chiamata. La dirigenza ha lasciato intendere di essere disposta a valutare la partenza del mister se i cadetti lo reclamassero, magari chiedendo una contropartita.
Niente di nuovo o strano. Basti pensare all'Imolese che ha blindato il proprio tecnico con una clausola di 150mila euro e che avrebbe fatto desistere fin qui possibili pretendenti (si parlava del Siena). Il Sudtirol invece ha lasciato partire Zanetti dopo la chiamata dell'Ascoli chiedendo, e a quanto pare ottenendo, una contropartita. Ciò che il Cavallino vuole evitare è la possibilità di liberare il proprio tecnico e di trovarselo avversario, andando a dare man forte ad una rivale.

Dal Canto nel frattempo ha fatto sapere di non aver ricevuto chiamate. Semmai il tecnico fin dalla partita persa in casa del Pisa aveva sottolineato come fosse necessario mettersi attorno ad un tavolo con il club per capire le necessità di ognuno. In sostanza comprendere obiettivi e potenzialità dopo una stagione culminata con un quarto posto e la semifinale playoff.

Di certo c'è che questa fase non aiuta nessuna delle due componenti che negli ultimi giorni comunque hanno avuto contatti. Forse il limite è già stato superato e non è possibile tornare indietro, o forse c'è ancora modo di proseguire insieme. Servirà mettersi attorno a quel tavolo e giocare a carte scoperte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento