rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Calcio

L'Arezzo in campo a Civita Castellana. Avanti con il 433, Cutolo probabile titolare

Mariotti torna in panchina nel recupero di domani con la Flaminia. Assenti gli squalificati Calderini e Frosali, oltre agli infortunati Giofrè e Marchi. Torna Lomasto in difesa

Marco Mariotti ricomincia da Civita Castellana. Si gioca il recupero di campionato e l'Arezzo, oltre alla faccia, deve ritrovare anche un obiettivo. Il San Donato è avanti di 15 punti e la partita in meno non basta per continuare a professare ottimismo. La logica suggerisce che il primo posto è andato, quindi bisogna tarare la stagione su traguardi diversi, in attesa di capire se la proprietà confermerà impegni e programmi o se invece sceglierà di salutare.

Nel frattempo l'allenatore ha ripreso possesso della panchina ceduta per due mesi ad Andrea Sussi, al quale è stata fatale la sconfitta con il Trestina.

“L'ho chiamato al telefono – ha detto stamani Mariotti. Quando un allenatore viene licenziato, è la sconfitta di tutti. Avevo lasciato la squadra a -5 dalla vetta, la ritrovo a -15. Dunque c'è poco da parlare, c'è solo da andare in campo, giocare e provare a fare punti. Gli obiettivi? Affrontare una partita per volta. Dobbiamo guardare avanti ma l'esperienza mi insegna che in certe situazioni bisogna pure guardarsi le spalle”.

A Civita Castellana tornerà Lomasto dopo la squalifica ma saranno assenti Calderini e Frosali, fermati dal giudice sortivo, oltre a Giofrè e Marchi, infortunati.

“Sarei presuntuoso se mi mettessi a cambiare modulo e interpreti – ha spiegato Mariotti. Partiremo con il 433, cercando di fare una partita da Arezzo. A inizio stagione c'erano giocatori forti, alcuni dei quali sono andati via per essere rimpiazzati con giocatori altrettanto forti. Ma è il campo che ha l'ultima parola, dobbiamo dimostrare durante i novanta minuti di essere una squadra vera”.

Mariotti ha speso qualche parola sul suo stato d'animo: “Quando mi hanno richiamato, non ho avuto nessun dubbio a tornare. Questo è il mio lavoro ed è un lavoro che amo. Continuo a pensare che l'Arezzo abbia una rosa competitiva, è arrivato il momento di darne prova”.

Mai come stavolta, valore e caratteristiche dell'avversario passano in secondo piano. La Flaminia di Nofri è squadra in buona salute che punta su corsa e aggressività. Per vincere servirà una prestazione maiuscola per entrambi i tempi, al contrario di ciò che è successo a Scandicci e Città di Castello.

Per quanto riguarda la formazione, sembrano sicuri di una maglia Colombo in porta, Magliocca, Lomasto e Van der Velden in difesa, Pizzutelli e Benedetti a centrocampo, Strambelli e Foggia in attacco. Mariotti deve scegliere il terzino sinistro, la mezz'ala di destra (Lazzarini in vantaggio) e l'esterno del tridente, dove Cutolo è il papabile. Per il 10 sarebbe la prima da titolare in stagione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Arezzo in campo a Civita Castellana. Avanti con il 433, Cutolo probabile titolare

ArezzoNotizie è in caricamento