rotate-mobile
Calcio

Arezzo, il primo nome sulla lista è quello di Calderini. Trattativa avviata per il fantasista del Tiferno

Il giocatore, 6 gol in questo inizio di campionato, è cresciuto nelle giovanili amaranto e per lui sarebbe un ritorno a casa. Il mercato apre il primo dicembre e la società, oltre a puntellare la rosa, deve anche sfoltire

Il primo obiettivo di mercato è un nome grosso. Se 433 dev'essere, come ha spiegato Sussi nella conferenza stampa di presentazione, allora davanti bisogna far giocare gente in grado di spostare gli equilibri e di alzare il livello di qualità generale. Per questo l'Arezzo ha messo nel mirino Elio Calderini, il fantasista del Tiferno che in categoria, si è visto anche nello scontro diretto, fa la differenza. Classe '88 come Strambelli, 6 gol segnati finora (uno meno del mago), Calderini in estate ha scelto di rientrare a casa, a Città di Castello. Adesso potrebbe accettare di tornare dove è nato calcisticamente.

La trattativa c'è ed è stata avviata da qualche giorno. Il calciatore avrebbe già dato il suo consenso, felice di vestire di nuovo l'amaranto nonostante questo presupponga l'addio anticipato al Tiferno. Ma sono occasioni che capitano di rado e all'ex trequartista della primavera piacerebbe molto risalire in C dalla porta principale. Difficile, ma ad Arezzo ci si può provare.

Il mercato riapre il primo di dicembre, dunque ci sono altri dieci giorni di attesa e una giornata di campionato di mezzo (Poggibonsi-Arezzo e Tiferno-Cascina). La volontà però, e non solo per questa operazione, è quella di mettere a posto l'organico il più in fretta possibile, senza dilatare i tempi fino a San Silvestro. Anche perché prima di Natale si gioca cinque volte e la rosa prima è definitiva e meglio è.

E' chiaro che Calderini da una parte e Strambelli dall'altra, uno destro e l'altro mancino, metterebbero nel tridente del 433 un'incisività invidiabile e un'ampia varietà di soluzioni. Poi ci sarà da garantire loro una copertura adeguata e Sussi, che lo sa, si è preso qualche giorno prima di valutare tatticamente singoli e squadra e dare indicazioni di mercato.

I fronti su cui muoversi non riguardano solo gli acquisti over ma anche gli innesti under (almeno un paio, a sinistra in difesa e in attacco) e le cessioni. La rosa è larga, con due alternative per ruolo, e qualcuno dovrà essere ceduto per fare spazio ai nuovi ingressi.

Senza rivoluzioni, come ha chiarito anche Sussi ieri mattina, ma con rinforzi mirati per allargare il parco giovani e assicurare all'allenatore un ventaglio tattico più ampio. Manca un girone e mezzo alla fine, tutto può ancora succedere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arezzo, il primo nome sulla lista è quello di Calderini. Trattativa avviata per il fantasista del Tiferno

ArezzoNotizie è in caricamento