Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio

Vacanze finite: l'Arezzo torna al lavoro aspettando Arduini, un attaccante e non solo

Nel pomeriggio di domani la ripresa dopo il break natalizio. Il calendario di lavoro si intreccia con il mercato

Le vacanze sono già finite. L'Arezzo si prepara a tornare al lavoro nella giornata di domani. Il Cavallino ha infatti diramato questa mattina il nuovo programma di allenamento che prevede dal 27 al 30 dicembre sedute pomeridiane alle 14:15 ogni giorno con l'aggiunta di due allenamenti mattutini il 28 e il 30 dicembre. Obiettivo mettere benzina nelle gambe, tenere alti i giri di un motore che, se sul piano della classifica ha visto l'Arezzo tornare a soffiare sul collo della Pianese all'ultimo secondo dell'ultimo match del 2022, a livello atletico ha sempre visto gli amaranto tenere testa agli avversari lottando e correndo senza sosta fino al termine di ogni incontro.

Ma il programma di allenamento in vista di un mese di gennaio ricco di impegni tra campionato e Coppa (mercoledì 11 gennaio c'è il Pineto al Comunale) si divide anche con il mercato. Lo scorso 23 dicembre l'Arezzo ha visto partire nelle ultime disponibili per il mercato dei dilettanti calciatori come Diallo e Bruni oltre a Dema passati rispettivamente a Prato (in prestito), Grosseto (titolo definitivo) e Terranuova Traiana (in prestito).

Tradotto questi tre movimenti significano altrettanti ingressi più uno nello scacchiere di Paolo Indiani. Paolo Giovannini lo aveva annunciato nel corso della conferenza stampa post partita di Arezzo-Poggibonsi insieme a Nello Cutolo. Anche se ufficialmente non ci sono ancora comunicazioni da parte del club è facile intravedere la strategia che sarà seguita. Con il mercato dei dilettanti chiuso i rinforzi (sia under che over) arriveranno dai professionisti. Ciò significa che fino al 2 gennaio ufficialmente non potranno essere depositati eventuali accordi a meno che tra l'Arezzo e i club cedenti non ci sia già l'intesa e un nullaosta per permettere ai volti nuovi di allenarsi e conoscere sia i nuovi compagni che gli schemi di Indiani.

È il caso di Ettore Arduini, classe 2003 ex Follonica Gavorrano oggi al Fiorenzuola, che l'Arezzo aveva inseguto in estate. Aspettando il rientro di Mattia Damiani sarà il primo rinforzo per il club di viale Gramsci e non è da escludere che domani Arduini possa essere già sul manto erboso del Lebole visto che l'affare è definito in ogni suo aspetto. Il trasferimento è sulla base di un passaggio a titolo temporaneo per dare un ulteriore under 2003 al tecnico amaranto e quindi maggiore scelta.

Il secondo innesto sarà quello di un terzino under 2004 da mettere in coppia con Pericolini autore di un'ottima prima parte di stagione salvo poi calare sul piano del rendimento nel finale del girone di andata. Sul ragazzo l'Arezzo è pronto a scommettere ma dopo la partenza di Lorenzini a destra (o eventualmente a sinistra riportando Poggesi a destra) occorre inserire una pedina.

Il terzo acquisto sarà quello di un centravanti. Probabile che l'Arezzo cerchi un centravanti simile a Gucci dato che il Cavallino è intenzionato sulle indicazioni di Indiani a giocare o con il 4-3-3 oppure con il 4-2-3-1 visto contro il Poggibonsi. In tal caso Indiani vorrebbe un 'attaccante da 15 gol' senza mettere in secondo piano il rendimento di un Niccolò Gucci che ha siglato 2 gol consecutivi non appena ha potuto ritrovare la forma migliore. Più una prima punta che una seconda punta sembra cercare l'Arezzo, visto che poi potrebbero supportare questo nove i vari Convitto, Pattarello, Bramante e Gaddini, giocatori che possono alzare il loro raggio di azione.

Ecco poi il quarto movimento da attendere in ingresso. La partenza di Leonardo Bruni, confinato al ruolo di quarto difensore dietro Risaliti, Polvani e Lazzarini, e che quindi ha scelto di trovare maggiore spazio andando a Grosseto, apre le porte alla scelta di un nuovo centrale difensivo per completare numericamente la linea difensiva. In questo caso c'è da capire se il dg Giovannini insieme al mister punterà su un difensore over per avere esperienza quando necessario, magari cercando qualche vecchia conoscenza del tecnico di Certaldo per velocizzare l'apprendimento dei movimenti di una linea alta come quella amaranto. Non a caso in estate sono arrivati Risaliti, Polvani e Bruni. Però la scelta potrebbe anche ricadere su un under che a quel punto permetterebbe anche di andare a recuperare spazio per un altro over in un'altra zona del rettangolo verde.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vacanze finite: l'Arezzo torna al lavoro aspettando Arduini, un attaccante e non solo
ArezzoNotizie è in caricamento