menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Arezzo ha scelto: Potenza è il nuovo allenatore. "Lo spirito guerriero non mancherà mai"

Dai colloqui di questa mattina in sede è emerso il nome del nuovo allenatore del Cavallino. Domani la presentazione

Alessandro Potenza è il nuovo allenatore dell'Arezzo. La scelta è arrivata nel primo pomeriggio. A guidare il Cavallino nella prossima stagione sarà quindi un tecnico giovane e all'esordio in serie C come l'ex difensore cresciuto nell'Inter con cui ha vinto Torneo di Viareggio e un campionato Primavera. Nel suo curriculum anche le esperienze con Parma, Fiorentina e Catania tra le altre, andando a vincere nel 2015 la Indian Super League con il Chennaiyin di Materazzi. Tornato in Italia ha chiuso la carriera con la Casertana, al termine di una carriera che conta anche presenze nella nazionali giovanili con la vittoria dell'Europeo Under 19 e Under 21.

Nel 2016 ha intrapreso la carriera come allenatore dopo essersi svincolato dal club casertano, accettando l'incarico del Madre Pietra Daunia, squadra della sua città natale che militava in serie D e che ha salvato tramite i playout. Da qui il passaggio alla Recanatese da cui viene sollevato dall'incarico dopo sette giornate. Nello stesso anno ottiene il patentino di seconda categoria Uefa A potendo così allenare anche in C. Nel 2018 sfiora i playoff in serie D con la Fidelis Andria mentre la scorsa estate passa all'Audace Cerignola. L'avventura con i gialloblù si conclude però in anticipo con l'esonero che arriva il 4 novembre, con la squadra al quint'ultimo posto del girone H. Adesso la nuova avventura in amaranto, ma soprattutto un salto di categoria in una piazza che lo metterà alla prova con un organico che per forza di cose potrebbe cambiare, e non poco, in sede di mercato.

«Sono orgoglioso e grato alla proprietà e ai direttori Di Bari, Fabbro e Muzzi - ha dichiarato Potenza - era un’opportunità che aspettavo da tempo. Ci metterò anima e corpo per ricambiare la fiducia che hanno avuto nei miei confronti. Ai tifosi voglio dire che lo spirito guerriero non mancherà. Forza Arezzo!»

Una scomessa prima ancora che un allenatore emergente. Una scelta che ha sicuramente trovato in Giuseppe Di Bari l'uomo forte per presentare la candidatura di Potenza. L'attuale direttore sportivo del Cavallino proprio in Puglia vanta diverse conoscenze e proprio da queste è nata la pista che ha condotto ad Alessandro Potenza. Di Bari infatti è stato direttore sportivo a Foggia proprio mentre Potenza era un calciatore della prima squadra. Adesso l'ex difensore diventa uno tra gli allenatori più giovani a sedere sulla panchina dell'Arezzo. Domani la presentazione alle 14:30 allo stadio insieme al direttore sportivo Di Bari e al presidente Monaco.

Tromboni e Salvadori per le giovanili

L'Arezzo nel pomeriggio ha ufficializzato anche due dirigenti. Si tratta di Cristiano Tromboni, classe 1992, che ha lavorato come direttore sportivo per molte società dilettantistiche di Roma. L’ultima è stata l’Atletico Torrenova, da oggi è il nuovo ds del vivaio amaranto. Sempre per le giovanili arriva Christian Salvadori, classe 1977, in passato direttore sportivo di Sansovino, Massese e Riccione in Serie D, responsabile dell’area tecnica della Sangiustese in C2. Salvadori ha collaborato con molte società del territorio aretino ed ha avuto esperienze come osservatore a Palermo e ad Ancona. Sarà il nuovo responsabile scounting per il settore giovanile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

  • Arezzo da amare

    C'era una volta Piazza San Jacopo

  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento