rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Calcio

Addio al calcio o un'altra stagione da capitano. Cutolo deve decidere il domani

Il numero 10 sta riflettendo sul suo futuro. A 39 anni ha davanti due strade: un ultimo campionato in amaranto o un nuovo capitolo della carriera. In questi giorni il confronto con il dg Giovannini

Classe '83, 39 anni compiuti da pochi giorni, Nello Cutolo vanta oltre 600 partite in una carriera lunghissima cominciata a Napoli e proseguita a Benevento e Giugliano, Cisco Roma e Teramo, Verona e Taranto, Perugia e Crotone, Padova e Pescara, Livorno e Virtus Entella, Juve Stabia e Arezzo, dove ha vissuto la parentesi più lunga e significativa: un anno di B, quattro di C, uno di D. 

Questi sono gli ultimi giorni di riflessione per lui. Lasciare il calcio giocato o concedersi un'ultima stagione di allenamenti, gol e assist? La margherita è stata sfogliata quasi per intero, ormai mancano solo pochi petali e il futuro incombe.

Con l'addio del capitano si chiuderebbe un'epoca anche per l'Arezzo, che con il suo numero 10 ha condiviso gioie e dolori, speranze e delusioni. Dai playoff per la serie A sfumati per un soffio nel 2006 a quelli per la B evaporati a Pisa nel 2019, dalla indimenticabile battaglia totale del 2018 all'amara retrocessione del 2021. Dentro le sei stagioni di Cutolo c'è il riassunto della storia amaranto, fatta di tormenti più che di estasi.

La prima volta in assoluto fu nell'agosto del 2005 in Coppa Italia, contro il Brescia (2-2, poi vittoria ai rigori). E proprio quella sera arivò anche il primo gol. L'ultima rischia di essere questa del maggio 2022, contro il Gavorrano. Ultimo gol, di rara bellezza, a Piancastagnaio.

Il capitano, con la società nel limbo del possibile ripescaggio, deve decidere se tirare una riga e avviare una nuova fase di carriera o rimandare al 2023 il gesto fatidico di appendere le scarpe al chiodo. La prima ipotesi, anche a giudicare da quello che dichiarò qualche settimana fa, sembra più realstica. Ma ancora non è detto. 

Con il patentino di terza categoria in mano, Cutolo potrebbe allenare nei dilettanti. Oppure scegliere di dedicarsi a un ruolo dirigenziale. Probabile che ci sarà un confronto con il direttore generale Giovannini, poi l'Arezzo saprà se il capitano porterà ancora la fascia al braccio o se cederà il testimone a qualcun altro, consegnando le sue pennellate di sinistro al grande archivio del calcio amaranto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al calcio o un'altra stagione da capitano. Cutolo deve decidere il domani

ArezzoNotizie è in caricamento