menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arezzo in zona rossa, attività motoria e sport: cosa si può fare e no

I chiarimenti del comitato di Arezzo del Centro sportivo italiano sulle attività consentite da lunedì 15 marzo

La Toscana resta arancione, mentre la provincia di Arezzo entra in zona rossa dal 15 marzo.

Cosa cambia per lo sport? Come spiega il Csi aretino le palestre e piscine restano chiuse, come i centri benessere e quelli termali, “fatta eccezione - si legge nelle Faq del Ministero della salute - per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche”.

Attività sportiva e motoria: la differenza è assolutamente fondamentale. L’attività motoria consiste nella semplice passeggiata, con i familiari o con il cane e nel giretto con la bici da passeggio. Sparisce il limite dei 200 metri dalla propria abitazione e non viene fissata una distanza massima, ma sta al buon senso. 

Passiamo quindi all’attività sportiva per la quale non è ovviamente obbligatorio indossare la mascherina, ma è necessario portarla sempre e indossarla se si incontrano altre persone. Perché il principio resta valido: attività rigorosamente individuale o rispettando la distanza interpersonale di due metri.

Attività di base. Restano ferme anche tutte le attività sportive dilettantistiche di base, ma anche “le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto. Nonché tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto, anche se aventi carattere ludico-amatoriale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento