Riapre il circolo Valtiberina Tennis&Sport di Sansepolcro

Il consiglio direttivo ha attuato tutte le misure igienico-sanitarie previste dalle norme e dai protocolli federali, procedendo alla sanificazione degli ambienti del PalaPiccini e alla chiusura degli spogliatoi

Tornano in campo gli atleti del Valtiberina Tennis&Sport. Il circolo di Sansepolcro sta vivendo una graduale ripartenza dell’attività sportiva rivolta ad oltre duecento persone di diverse discipline e di tutte le età e, negli ultimi giorni, è tornato ad animarsi con la ripresa degli allenamenti individuali e con la riapertura dei corsi della scuola tennis fissata da lunedì 25 maggio. Il consiglio direttivo del circolo ha infatti attuato tutte le misure igienico-sanitarie previste dalle norme e dai protocolli federali, procedendo alla sanificazione degli ambienti del PalaPiccini e alla chiusura degli spogliatoi, oltre che alla riorganizzazione delle lezioni esclusivamente all’aperto e nel rispetto del distanziamento interpersonale di almeno due metri. «Il Valtiberina Tennis&Sport - spiega il presidente Carmelo Gambacorta, - ha predisposto tutte le accortezze necessarie per prevenire la diffusione del contagio da Coronavirus e per garantire la sicurezza di bambini, ragazzi, soci, tecnici e famiglie».

La ripresa sta riguardando tutte le diverse componenti del Valtiberina Tennis&Sport, con la possibilità per i soci di prenotare i campi, con la preparazione avanzata degli agonisti coordinata dalla maestra Elora Dabija e con gli allenamenti dei bambini della scuola-tennis in gruppi ristretti con i maestri Pino Salvi e Claudio Ceccomori. L’immediata ripartenza delle attività ha rappresentato fin da subito una priorità del circolo biturgense che ha messo in campo ogni sforzo organizzativo e logistico per permettere a tutti i suoi tennisti di tornare a condividere la loro passione e di rimettersi in movimento dopo una lunga pausa di oltre due mesi. In quest’ottica, i campi del PalaPiccini erano stati adeguati già dai primi giorni di maggio alle indicazioni previste dai protocolli, con l’obiettivo di farsi trovare pronti al momento dell’effettiva ripartenza. «Il nostro circolo - continua il presidente Gambacorta, - era pronto per riaccogliere i tennisti già dal 4 maggio in base ad un’Ordinanza Regionale che prevedeva la ripresa delle attività sportive individuali nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e, dopo aver interpellato istituzioni e forze dell’ordine, avevamo già previsto il ritorno in campo. Avevamo ritenuto, infatti, che per la comunità locale il lento ritorno alla normalità in sicurezza e responsabilità avrebbe rappresentato un bel segnale di ottimismo dopo due mesi particolarmente difficili. Tutto questo non è stato però possibile a causa della difficoltà nell’interpretare in modo univoco le norme e della diversità di visioni da parte delle autorità locali. L’unico comportamento privo di controindicazioni è sembrato essere l’immobilismo e, pur non condividendo questo atteggiamento, ne abbiamo preso atto e abbiamo frenato la ripartenza in attesa di più rassicuranti disposizioni da parte degli enti preposti. Rimaniamo comunque orgogliosi degli sforzi messi in campo per far ripartire il tennis a Sansepolcro, incoraggiati anche dal forte consenso ed entusiasmo dei nostri soci e sostenitori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Covid: 78 nuovi casi nell'Aretino. Un 29enne ricoverato in ospedale

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Ciclista trovato riverso sulla strada, l'appello della famiglia: "Se qualcuno ha visto, contatti la Municipale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento